La differenza tra seppie e calamari

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Seppia e calamaro

E’ difficile confondere seppie e calamari per chi conosce i prodotti ittici. Ma non tutti siamo esperti, sopratutto chi comincia a frequentare mercati e pescherie da poco tempo. Ancora piu’ complicato poi puo’ essere riconoscere un totano da un calamaro ma per questo vi rimandiamo all’articolo come riconoscere totani e calamari.

Calamari e seppie sono prodotti molto utilizzati nella cucina mediterranea. I primi ottimi ripieni, alla griglia o fritti. Le seppie invece in cucina hanno anche altri utilizzi in particolare per preparare la pasta al nero di seppie.

Calamari e seppie sono molluschi cefalopodi (dal greco kephale, testa e podos, piede). Entrambi presentano 10 braccia orali delle quali 2 piu’ lunghe. Il corpo del calamaro e’ piu’ affusolato invece la seppia presenta un corpo piu’ largo di forma ellittica.

Le seppie e i calamari, pur appartenendo entrambi alla famiglia dei cefalopodi e condividendo l’essenza di molluschi marini, presentano alcune distinzioni riconoscibili.

Le seppie, solitamente associate al genere Sepia, mostrano un corpo più corto e arrotondato, spesso a forma di sacco, con pinne laterali. La loro caratteristica distintiva è la presenza di una conchiglia interna a forma di penna o lamella, utilizzata per regolare la galleggiabilità.

I calamari, invece, sono comunemente identificati con il genere Loligo. Presentano corpi più lunghi e cilindrici, con pinne laterali più pronunciate rispetto alle seppie. La loro conchiglia interna, nota come “penna” o “gladio,” è più grande e robusta.

Il calamaro e’ caratterizzato da conchiglia interna quasi trasparente chiamato gladio, corpo allungato con pinne laterali che raggiungono l’estremità posteriore della sacca.

Le seppie presentano anch’esse una conchiglia interna, detta “osso di seppia” . All’interno del corpo e’ presente una sacca per l’inchiostro, posta in prossimità dell’ano, che viene espulso quando la seppia si sente minacciata. Le seppie possiedono una spiccata capacità mimetica, e possono cambiare il proprio colore, grazie alla presenza nel derma di una ricca rete di cromatofori, dal marrone al nero, dal giallo al rosso.

Anatomia e Morfologia

Seppie: Eleganza e Camuffamento

Le seppie, appartenenti alla famiglia dei Sepiidae, sono note per il loro corpo tozzo e largo, spesso descritto come un “ovale schiacciato”. Una delle caratteristiche più distintive delle seppie è la presenza di un osso interno, noto come “osso di seppia”, che è una struttura calcarea utilizzata per controllare la galleggiabilità. Questo osso è spesso raccolto e utilizzato come integratore di calcio per gli uccelli in cattività.

Le seppie possiedono dieci appendici: otto braccia corte e due tentacoli più lunghi, che utilizzano per afferrare le prede. Sono maestre del camuffamento, capaci di cambiare rapidamente colore e texture della pelle grazie a speciali cellule chiamate cromatofori. Questo le aiuta non solo a sfuggire ai predatori, ma anche a comunicare con i loro simili.

Calamari: Velocità e Adattabilità

I calamari, appartenenti all’ordine Teuthida, hanno un corpo allungato e affusolato che li rende eccellenti nuotatori. All’interno del loro corpo hanno una struttura sottile e flessibile chiamata “gladio” o “penna”, che fornisce supporto senza aggiungere peso significativo.

Anche i calamari possiedono dieci appendici, ma a differenza delle seppie, i loro due tentacoli sono retrattili e dotati di ventose solo alle estremità. Questi tentacoli sono progettati per afferrare rapidamente le prede. Le pinne dei calamari, situate vicino all’estremità posteriore del corpo, formano una struttura a forma di diamante o triangolo, che aiuta nel nuoto agile e veloce.

Habitat e Distribuzione

Seppie: Amanti dei Fondali Costieri

Le seppie preferiscono gli habitat costieri e si trovano spesso in acque poco profonde, fino a circa 200 metri di profondità. Amano i fondali sabbiosi o fangosi, dove possono seppellirsi per mimetizzarsi e proteggersi dai predatori. Questi fondali offrono anche abbondanti risorse alimentari.

Sono particolarmente comuni nel Mar Mediterraneo, nell’Atlantico orientale e nei mari intorno all’Asia. La loro distribuzione varia molto, ma tendono a preferire aree con temperature moderate e abbondanza di cibo.

Calamari: Esploratori delle Profondità

I calamari sono estremamente adattabili e possono essere trovati in una vasta gamma di habitat, dalle acque superficiali fino a profondità di oltre 1000 metri. Alcune specie vivono in mare aperto e sono noti per i loro spostamenti migratori, mentre altre preferiscono le acque costiere.

I calamari sono ampiamente distribuiti in tutti gli oceani del mondo, dai tropici alle acque polari. La loro capacità di vivere in condizioni così diverse li rende una delle specie marine più adattabili.

Comportamento e Alimentazione

Seppie: Predatori Opportunisti

Le seppie sono predatori notturni e si nutrono di piccoli pesci, crostacei e altri molluschi. Utilizzano i loro tentacoli per catturare le prede e il loro becco tagliente per consumarle. Durante il giorno, tendono a seppellirsi nel substrato per riposare e nascondersi dai predatori.

Sono animali solitari e territoriali, e spesso difendono il loro spazio con fermezza. Il loro comportamento difensivo include l’espulsione di inchiostro per confondere i predatori e il cambio rapido di colore per camuffarsi.

Calamari: Cacciatori Veloci

I calamari sono predatori attivi sia di giorno che di notte. La loro dieta comprende pesci piccoli, crostacei e altri cefalopodi. Utilizzano i loro tentacoli retrattili per afferrare rapidamente le prede, spesso con una precisione sorprendente.

Sono noti per i loro comportamenti sociali e migratori. Molte specie di calamari formano grandi banchi e migrano in massa per trovare cibo o per riprodursi. Durante queste migrazioni, possono coprire grandi distanze e adattarsi rapidamente a nuove condizioni ambientali.

Utilizzi Culinari

Seppie in Cucina

Le seppie sono molto apprezzate in cucina per la loro carne tenera e il sapore delicato. Sono particolarmente popolari nella cucina mediterranea e asiatica. Le seppie possono essere preparate in vari modi, tra cui alla griglia, stufate o fritte. L’inchiostro di seppia è un ingrediente prelibato utilizzato per colorare e aromatizzare piatti come il risotto nero e la pasta.

Calamari in Cucina

I calamari sono altrettanto apprezzati e versatili in cucina. La loro carne è tenera e leggermente dolce, ideale per una vasta gamma di preparazioni. I calamari possono essere serviti fritti (i famosi calamari fritti o “calamari rings”), alla griglia, ripieni o in insalata. Anche l’inchiostro di calamaro è utilizzato in alcune preparazioni culinarie, sebbene meno frequentemente rispetto a quello di seppia.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 24 Media: 3.3]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini