• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Biologia marina / News
  • Commenti dell'articolo:2 commenti
  • Tempo di lettura:7 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:29 Dicembre 2021

V secolo AC, circa 2500 anni fa. Una nave fenicia sta salpando dall’area dell’attuale Cadice verso la città greca di Corinto trasportando un carico di tonno conservato. Anche se può sembrare un aneddoto banale, quello a cui stiamo assistendo è la nascita di un’industria che oggi movimenta milioni di euro: il tonno in scatola.

Grazie ai resti archeologici e alle ricerche effettuate nello Stretto di Gibilterra e in Grecia, sappiamo che il tonno salato fenicio era molto popolare nella Grecia classica, e furono i Fenici ad avviare la prima “globalizzazione” di un prodotto ittico in nel Mediterraneo, molto prima dei romani. 

Ecco la storia del pesce più importante del Mediterraneo.

La tradizione della conservazione del pesce è ancora più antica. Per scoprirlo dobbiamo viaggiare in Mesopotamia e in Egitto, lungo le rive dei grandi fiumi – Tigri, Eufrate e Nilo – dove è nato questo metodo innovativo, che permette di conservare cibi a rapida deperibilità come il pesce. L’origine del tonno conservato è in realtà poco chiara; a quanto pare, potrebbe essere apparso per la prima volta nel Vicino Oriente o nell’antica Grecia. Tuttavia, i Fenici furono i primi a sviluppare una potente attività economica basata sulla pesca, la conservazione e il commercio di questo pesce. Il tonno è passato dall’essere mangiato localmente in diverse zone del Mediterraneo a diventare una prelibatezza che ha percorso migliaia di chilometri, dallo Stretto di Gibilterra fino in Grecia.

Tonni e Fenici: I Re del Mediterraneo

Chi erano i Fenici? E come ha fatto questo popolo del Mediterraneo orientale a stabilirsi lungo la costa di Cadice? Vorremmo saperne di più; Rivali dei Greci, i fenici aprirono rotte commerciali attraverso l’intero Mar Mediterraneo. I Fenici ci hanno lasciato poco in termini di documenti scritti, poiché erano una cultura principalmente commerciale e usavano materiali deperibili per i loro appunti e conti. Per saperne di più, dobbiamo ricorrere all’archeologia e alle fonti greche, scritte dai loro principali concorrenti e anche dai loro alleati commerciali.

Alcuni ricercatori sostengono che i Fenici si siano diffusi nel Mediterraneo alla ricerca del tonno, e se incrociamo le mappe delle principali aree di dominazione fenicia con le rotte migratorie del tonno rosso dell’Atlantico, vediamo che la sovrapposizione è sorprendenteSia i tonni che i Fenici erano grandi navigatori; condividevano una straordinaria capacità di orientarsi e di percorrere grandi distanze in mare. I tonni sono progettati anatomicamente per coprire migliaia di chilometri; i Fenici, a loro volta, si espansero in tutto il Mediterraneo grazie alle loro innovazioni nella costruzione navale. Per secoli sono stati i signori del Mar Mediterraneo, seguendo le stesse rotte dei tonni e coprendo il viaggio di andata e ritorno da Occidente a Oriente all’incirca nello stesso periodo.

Da fonte di cibo locale a prodotto “globale”

Come oggi, i grandi banchi di tonno rosso dell’Oceano Atlantico attraversavano le Colonne di Melqart (Colonne d’Ercole di Gibilterra) per entrare in Mediterraneo. Era lì che i Fenici catturavano il pesce. Il tonno locale – se così possiamo chiamarlo, visto che la specie percorreva oltre 5.000 chilometri prima di essere pescata – veniva consumato fresco. I resti archeologici nel sud della Spagna suggeriscono che si trattasse di un cibo economico, facile da trovare in qualsiasi famiglia nelle città portuali in cui si erano stabiliti i Fenici.

Lo sviluppo dell’industria della lavorazione del tonno alla fine del VI secolo aC coincide con la crescente popolarità del tonno tra i greci. Sebbene la sua origine possa risalire molto più indietro, è stato da questo momento in poi che è diventata un’attività in espansione e una delle principali attività economiche nell’area intorno allo Stretto di Gibilterra, passando dal consumo locale su piccola scala a un massiccio commercio che arrivava lontano dalla sua fonte di produzione. 

La specie era presente anche in Oriente, ma non veniva pescata in così grandi quantità data la sua scarsità rispetto allo Stretto di Gibilterra e lo sviluppo di una potente industria produttiva che non aveva eguali in altre aree del Mediterraneo. L’uso delle almadrabe*, le tonnare lungo la costa di Cadice hanno portato a un notevole aumento delle catture e alla trasformazione industriale del tonno rosso dell’Atlantico per rifornire un mercato in espansione delle prelibatezze.

Il trasporto e la conservazione del tonno erano legati a settori chiave dell’economia in quel periodo: produzione del sale, ceramica, apicoltura, estrazione della resina, costruzione navale, pesca con l’almadraba e molti altri. La pesca e la salatura furono motori di molte altre attività, e tutte insieme impiegarono gran parte della popolazione, permettendo ai promotori dell’attività di accumulare grandi fortune. 

Dal VI secolo aC in poi, il mercato locale dell’Andalusia occidentale subì un declino con l’aumento delle esportazioni verso est, principalmente in Grecia, dove il tonno era considerato una prelibatezza per la sua qualità e il suo fascino esotico, con maggiori profitti. I resti archeologici hanno rivelato conserve di tonno nei santuari, nei mercati e nelle case dell’alta borghesia greca, nonché nell’equivalente delle prime taverne. Infatti, le commedie messe in scena in quei tempi includevano citazioni satiriche di opsofagi (mangiatori di pesce), con riferimento alla classe abbiente e allo spreco immorale di mangiare questo prodotto gourmet. La nuova moda era lì per restare.

Il rapporto tra uomo e tonno ha radici lontane. Oggi ci sorprende che l’industria della pesca giapponese si sia unita alla filiera del tonno lungo la costa di Cadice, aumentando i prezzi e spedendo il pesce per migliaia di chilometri per essere consumato come prodotto di lusso. Tuttavia, se guardiamo indietro, ci rendiamo conto che non sono i primi a farlo: i Fenici trasformarono il tonno in un prodotto “globale” già nel VI secolo a.C.

*Almadraba : L'almadraba (dall'arabo andaluso المضربة almaḍrába, "luogo dove si colpisce o si combatte")  è una delle tecniche di cattura del tonno utilizzate in Italia, Marocco, Portogallo (principalmente in Algarve) e Spagna (soprattutto Andalusia, Valencia, Murcia e Ceuta) sfruttando la migrazione dei tonni atlantico-mediterraneo  che è stata utilizzata fin dall'epoca preromana. Consiste nell'installare un labirinto di reti nel passaggio dei tonni, che normalmente si trova vicino alla costa. 

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. luciano imperioli

    I Vostri Blog sono sempre interessantissimi .Grazie

  2. Angelo

    Bellissimi articoli

Lascia un commento