Acquacoltura “il bene ed il male dei polli d’acqua”

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionaleAcquacoltura “il bene ed il male dei polli d’acqua”
0
(0)

Le specie ittiche esposte ad un eccessivo sforzo di pesca, si stanno riducendo sempre di più, ma arrivano sulle nostre tavole i “supplenti“, ovvero le specie ittiche allevate. Boom dell’acquacoltura negli ultimi 5 anni.

Medici e nutrizionisti consigliano di mangiare pesce e ridurre la quantità di carne, ma se una specie ittica su tre è soggetta a ‘sovrasfruttamento’ , sarà sempre più frequente ritrovare sulle nostre tavole quelli che NATURE definisce ‘polli d’acqua‘, ovvero specie facilmente allevabili, che si accrescono con mangimi di scarsa qualità, ma che mantengono le caratteristiche principali. Per quanto riguarda l’allevamento delle specie ittiche la Cina risulta al primo posto per la quantità annua prodotta in allevamento.orata in allevamento

I cinesi  sono riusciti a convertire l’alimentazione di alcuni pesci carnivori come il salmone, rendendoli vegetariani e introducendo nella loro dieta un’alta percentuale di mangimi di origine vegetale, molti a base di soia.

Studi effettuati dall’ INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione), hanno evidenziato che tali mangimi non riducono assolutamente i livelli di omega 3 nelle carni dei pesci allevati. Soprattutto nei pesci di mare come l’orata o il sarago, il livello di omega 3 rimane invariato rispetto a quello di pesci pescati in mare aperto. Cambiano invece i livelli di omega 6, in particolare quelli dell’acido linoleico che passa dal 6.7% dei pesci catturati in mare al 14.22% dei pesci cresciuti in allevamento. Cala il rapporto tra omega 3 e omega 6, da 3.4 a 1.6 – 0.8.

Secondo la FAO nel 2015 la popolazione mondiale raggiungerà quota 9 miliardi e, per riuscire a nutrire tutta la popolazione occorrerà aumentare l’acquacoltura e la produzione ittica  di circa 25 milioni di tonnellate annue. E di pari passo seguire quest’incremento della produzione con delle regolamentazioni idonee, non prendendo come esempio gli Stati Uniti, dove la Food and Drug ha pronto un decreto per la produzione di una specie di salmone geneticamente modificato per produrre dosi maggiori di ormone della crescita, riducendo di circa un terzo il tempo necessario a raggiungere la taglia adatta per il commercio.

Più acquacoltura e meno pesca intensiva

Aumentando la produzione di allevamento ittico, nei prossimi anni dovrebbe diminuire l’intensità della pesca nei nostri mari, dando la possibilità alle specie a rischio di rafforzare gli stock riportando il numero degli esemplari a livelli accettabili.

Dal punto di vista prettamente culinario, diversi cuochi del panorama mondiale hanno detto la loro sul pesce d’allevamento, notando che le specie selvatiche hanno un odore di mare maggiore e le carni dei pesci di allevamento, dopo la cottura, risultano più grasse.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

1 thought on “Acquacoltura “il bene ed il male dei polli d’acqua””

  1. Cristina Cary ha detto:

    Sono d’accordo con questo articolo non mi sembra giusto fare con il mare, la stessa cosa degli allevamenti intensivi di polli o mucche. Tutto ciò che è intensivo mi fà pensare a qualcosa di forzato, è vero che siamo fuori natura ma dobbiamo rientrarci. Noi possiamo distruggere o cominciare a recuperare Natura. Non siamo noi che conduciamo il gioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto