Senza padre e senza marito. Non si tratta del primo caso di partenogenesi negli elasmobranchi. Era già accaduto in passato e sembra anche che non sia un evento cosi raro in natura, e puo’ addirittura continuare di generazione in generazione.

Lo squalo zebra (Stegostoma fasciatum) ospitato nell’Acquario del Queensland, lo scorso aprile aveva  deposto delle uova, con lo stupore dei curatori della struttura dato che viveva senza alcuna compagnia e l’ultimo accoppiamento risaliva a tre anni prima. I ricercatori dellUniversity of Queensland (che hanno pubblicato i propri risultati sulla rivista “Scientific reports) hanno in un primo momento ipotizzato che lo squalo zebra avesse potuto conservare gli spermatozoi ancora attivi del suo ultimo compagno. Tuttavia al test del DNA sono rimasti sorpresi di vedere che i piccoli avevano lo stesso corredo cromosomico della mamma.

uova-leonie-stegostoma-fasciatum Squali zebra nati per partenogenesi in un acquario australiano
Credit: dailymail.co

Lo squalo, secondo i ricercatori, si sarebbe adattato ad un ambiente ostile e solitario come quello di una vasca d’acquario riproducendosi senza alcun partner. Adesso si aspetta di capire se i piccoli saranno capaci di riprodursi con un partner o la partenogenesi continuerà in maniera spontanea.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui