Pinna nobilis in pericolo : E’ la fine per questo mollusco ?

Il Giornale dei MARINAI I molluschiPinna nobilis in pericolo : E’ la fine per questo mollusco ?
5
(1)

La nacchera di mare conosciuta con il suo nome scientifico di Pinna nobilis è il piu’ grande mollusco bivalve del Mar Mediterraneo. Si tratta di un filtratore come la cozza ma che puo’ raggiungere sino ad  metro di altezza. In passato la pinna nobilis è stata oggetto di depredazione da parte di pescatori che la estirpavano per rivenderla o solamente come oggetto decorativo. Oggi la specie è protetta secondo la direttiva Habitat della UE. Vige infatti un divieto strettissimo di raccolta se non a scopo scientifico.

In Sardegna la pinna nobilis era raccolta in passato per recuperarne il bisso, una bava fatta da cheratina che a contatto con l’acqua si solidifica divenendo divenendo soffice come la seta. Una volta pulita dagli organismi incrostanti i ricamatori Sardi la utilizzavano per cucire le decorazioni dei foulard tipici. Secondo alcune leggende anche il vello d’oro di Crisomallo era fatto dal bisso delle nacchere.

Oggi si possono ancora trovare al mercato nero o sui siti di compravendita le valve delle nacchere. Non conoscendo la provenienze e se il mollusco è stato pescato prima della direttiva Habitat se ne sconsiglia l’acquisto.

Specie emblematica del Mediterraneo

La Pinna nobilis è una specie di grande interesse ecologico in quanto indicatore ambientale e nucleare in Sardegna alla Maddalena. Questo grande mollusco bivalve è oggi in pericolo a causa di un parassita che sta distruggendo questi grandi ed affascinanti molluschi.

La Pinna nobilis si riproduce e cresce molto lentamente, molto lentamente. Bisogna aspettare almeno una decina di anni prima della prima riproduzione. Negli ultimi decenni le popolazioni stanno letteralmente scomparendo.  In natura il solo vero predatore delle nacchere è il polpo che se trova lo spazio per entrare all’interno delle valve, dapprima si nutre del mollusco per poi diventarne il proprietario.

Il Killer delle Pinne nobilis

Nel 2016 centinaia di nacchere sono state ritrovate morte con le conchiglie aperte e ricoperte di alghe. E’ accaduto nell’alto Tirreno, in Francia ed in Spagna. Gli scienziati allertati sono riusciti a trovare il colpevole rapidamente. Si tratta di un parassita soprannominato Haplosporidium pinnae che vive nella cavità gastrica delle pinne e gli impedisce di nutrirsi correttamente portandole alla morte. In breve tempo i litorali francesi, italiani,  sino a alla Grecia hanno visto episodi di morie massicce legate ad innalzamenti della temperatura delle acque. Sembra che per frenare le morie di nacchere la soluzione è l’abbassamento della temperatura dell’acqua.

Verso quale futuro

Sempre piu’ rare le pinne nobilis, vivono nei primi 40 della colonna d’acqua dove ancora arriva la luce. La loro decimazione è stata una vera ecatombe. Il futuro di questi molluschi è nelle amni del clima e le estati sempre più calde non favoriscono certo il loro benessere. L’estinzione delle pinne nobilis sarebbe un ecatombe per il patrimonio faunistico mediterraneo. Queste morie sono strettamente legate alla scomparsa del piccolo gamberetto simbionte della nacchera il Pontonia pinnophylax.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal