Migrazioni ambientali : dove vanno i crostacei con i cambiamenti climatici

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Crostacei

Il clima della Terra è stato relativamente stabile per periodi di tempo piuttosto lunghi, il che ha portato gli organismi animali di tutto il mondo ad adattarsi bene al clima in cui vivono. Tuttavia, i cambiamenti climatici stanno ora causando importanti cambiamenti nei modelli meteorologici e oceanici (in molti casi ben al di fuori del range di normalità). 

Alcuni animali, percependo questi cambiamenti, si adattano per tollerare le nuove condizioni.

Tuttavia, il cambiamento climatico può essere talmente dirompente, estremo e a lungo termine. Tanto da far spostare gli animali per cercare rifugio in aree più simili ai loro habitat ideali. Stiamo parlando delle migrazioni climatiche. Sta accadendo dovunque, anche in Mediterraneo. Ne sono un esempio la spigola e la triglia che salgono sempre più a nord per trovare acque sempre più fresche.

Non ci si aspetta che i modelli di spostamento dell’intervallo siano gli stessi per tutti gli animali né per tutti gli habitat. Possono variare in grandezza, direzione e persino nel successo, se la specie sopravvive nel nuovo habitat. Come risultato di queste complesse interazioni, molti habitat saranno probabilmente composti da diverse specie alloctone. Molti scienziati stanno lavorando per capire in che modo gli animali vengono colpiti dalle mutevoli condizioni oceaniche e prevedere dove potrebbero andare per continuare a vivere.Infografica che mostra le complesse interazioni che esistono tra specie, clima e esseri umani. 

Poiché le specie rispondono ai cambiamenti climatici spostando la loro distribuzione, il benessere umano, la salute dell’ecosistema e persino il clima stesso ne risentono. 

I fattori del benessere umano includono risorse, malattie e interazioni con la fauna selvatica, nonché altri servizi ecosistemici indiretti vantati da ecosistemi sani. 

Dove vanno i crostacei?

I crostacei sono componenti importanti degli ecosistemi e si trovano in tutto il mondo, dagli estuari poco profondi sino alle sorgenti idrotermali profonde! Con tale habitat e diversità funzionale, il dott. Simões e colleghi hanno cercato di capire come i crostacei di acque basse e profonde potrebbero evolvere.Gli scienziati tedeschi hanno raccolto dati su 94 specie di crostacei, 78 in acque poco profonde (meno di 500 m) e 16 in acque profonde (acque superiori a 500 m), compreso dove sono state osservate a livello globale e le condizioni ambientali di ciascun habitat. I dati ambientali includevano importanti condizioni dell’habitat per i crostacei come la temperatura dell’acqua, la concentrazione di ghiaccio, la salinità, la profondità, le correnti del fondale marino.

In che modo gli scienziati hanno previsto che il cambiamento climatico avrebbe fatto spostare i crostacei dei crostacei?

1: determinare quali aspetti dell’ambiente sono comuni nelle aree in cui si trovano specie specifiche. Queste sono le condizioni a cui ogni specie si è probabilmente evoluta ed è anche probabile che le condizioni che ciascuna cercherà quando l’habitat attuale cambia. 

2 : eseguire un modello di cambiamento climatico per vedere dove potrebbero verificarsi le condizioni dell’habitat preferito della specie. Gli scienziati hanno progettato il loro modello con due regimi di cambiamento climatico.

3: per l’habitat preferito di ogni specie, quantificare dove l’area potrebbe spostarsi a causa del cambiamento climatico. Questa analisi consente agli scienziati di capire fino a che punto le specie potrebbero dover migrare per trovare un nuovo habitat desiderabile.

Alla ricerca di acqua più fredda

Indipendentemente dall’entità del cambiamento climatico modellato, sia i crostacei di acque profonde che quelle poco profonde mostrano spostamenti. Tuttavia, i crostacei che vivono nei due habitat mostrano risposte diverse e le comunità potrebbero ottenere risultati diversi a lungo termine contro il cambiamento climatico. Le specie di acque poco profonde sembrano guadagnare un possibile habitat ad alte latitudini e mostrano forti spostamenti dell’areale verso i poli (~ 431-620 km), mentre le specie di acque profonde sembrano perdere l’habitat adatto ma non sembrano mostrare forti spostamenti dell’areale (~ 90-130 km) . Il mare profondo è stato a lungo pensato come un ambiente estremamente stabile, tuttavia i modelli di cambiamento climatico, come questo, mostrano prove crescenti che i bruschi cambiamenti di temperatura hanno probabili impatti anche negli habitat più profondi della Terra!

Man mano che più specie si spostano verso il polo, gli scienziati si aspettano una maggiore diversità di crostacei nelle acque poco profonde e una minore biodiversità nelle regioni temperate, ma la diversità negli habitat di acque profonde probabilmente non verrà alterata. Queste alterazioni nella composizione della comunità hanno un alto potenziale di portare a diverse interazioni biologiche, riorganizzazione/estinzione e possono causare interruzioni della funzione dell’ecosistema, in particolare nelle acque poco profonde. La notevole differenza nella risposta al cambiamento climatico da parte dei crostacei evidenzia come i suoi effetti non siano universali in tutti gli habitat!

Questo lavoro del Dr. Simões e colleghi è al momento il più interessante studio per indagare in modo completo sulle migrazioni ambientali dovuti dai cambiamenti climatici possono differire in base alla profondità su scala globale! Queste osservazioni modellate delineano ipotesi per analisi future per misurare le risposte ai cambiamenti climatici e forniscono uno sfondo tangibile durante la progettazione di strategie di conservazione e mitigazione in diversi habitat.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 1 Media: 4]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini