Il sud della Francia invaso da un alga aliena e no, non è la caulerpa

Il Giornale dei MARINAI Biologia marinaIl sud della Francia invaso da un alga aliena e no, non è la caulerpa
5
(1)

Già conosciuta e recensita come specie invasiva, questa macro alga verde si sta diffondendo rapidamente tra le acque delle Calanche di Marsiglia.

Come la Cauperpa, altra alga invasiva e tossica, quest’alga verde arriva da lontano. Addirittura dal Mar del Giappone e si pensa sia arrivata in Mediterraneo con i carichi di ostriche che arrivano ogni giorno dal Sol Levante.

Non si conosce bene ancora l’impatto di quest’alga ne le interazioni con le specie endemiche. Sicuramente è una specie da monitorare e da segnalare in caso di avvistamenti.

I fondali di Callelongue sono oggi ricoperti da un’impressionante distesa di quest’alga verde. Già lo scorso anno durante una giornata di snorkeling, noi del giornale dei marinai, avevamo notato un tappeto di alghe che sembrava soffocare la vita sottomarina tra le calanche di Les Goudes.

Secondo alcuni subacquei che stanno seguendo la vicenda da vicino in un paio di anni l’alga ha guadagnato circa 80cm in altezza coprendo totalmente il fondale.

Jean-Claude Eugène, che faceva parte della squadra, lo aveva già individuato nel 2019: “iniziava a coprire il fondo della cala, ma non a questo punto” , è allarmato. Secondo i suoi calcoli, queste alghe hanno guadagnato quasi 80 centimetri di altezza in alcuni punti, coprendo i rifiuti scaricati nel porto. 

Secondo Thierry Thibaut, ecologo marino del Mediterranean Institute of Oceanology, non ci sono dubbi: si tratta della specie Rugulopteryx okamurae, un’alga asiatica invasiva arrivata dal Giappone. Resta da vedere, d’ora in poi, come influenzerà questo ecosistema che ha iniziato a invadere. 

Un impatto ancora poco conosciuto sull’ambiente

L’alga R. okamurae  è stata osservata per la prima volta nel Mediterraneo all’inizio degli anni 2000. È stata l’importazione di ostriche dal Giappone a portarla nella laguna di Thau e davanti la costa di Séte e Montpellier.

A poco a poco, rugulopteryx okamurae ha gradualmente conquistato la costa marsigliese. Proprio la scorsa settimana è stato osservato per la prima volta a Carry e Sausset-les-Pins, nelle acque del Parco Marino della Costa blu. 

La proliferazione di questa alga è aumentata negli ultimi due anni, preoccupando i subacquei e i bagnanti di Callelongue“Temiamo che destabilizzi la flora e la fauna locale”.

Con l’inizio del caldo, i residenti temono anche che queste alghe provochino forti odori di liquame decomponendosi, come è avvenuto nell’agosto 2019. A quel tempo, erano già preoccupati per i  terribili odori causati da alghe in decomposizione.

In effetti, gli esperti del Parco Nazionale delle Calancue hanno studiato questa alga per tre anni. “Questa specie invasiva potrebbe infatti avere conseguenze sulle comunità algali e indirettamente sugli invertebrati o su alcuni pesci”, ha affermato Thierry Thibaut, che sta partecipando attivamente alle indagini.  

Come la caulerpa quest’alga potrebbe espandersi in tutto il Mediterraneo con implicazioni che ad oggi chiaramente non siamo in grado di conoscere.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto