Mar dei Sargassi, il tranquillo mare delle correnti

Il Giornale dei MARINAI Biologia marinaMar dei Sargassi, il tranquillo mare delle correnti
3
(2)

Nell’Oceano Atlantico nord-accidentale si trova uno strano mare tranquillo, non delimitato da terre, il Mar dei Sargassi.

Questa massa d’acqua di forma ovale si estende su un’ area pari a circa due terzi degli stati uniti, circondando le isole Bermuda, le cui famose spiagge sono le uniche terre che le acque del Mar dei Sargassi lambiscono. Il Mar dei Sargassi è delimitato dalle correnti dell’Oceano: a nord la corrente del golfo e a sud le correnti che scorrono verso occidente, lungo il tropico del cancro.

Mar dei Sargassi : non tutto e’ come sembra!

Come conseguenza di questo “isolamento” vi è un lento movimento delle acque relativamente calde in superficie che ruotano in senso orario sopra quelle molto più fredde e più dense che si trovano in profondità. Questa stratificazione delle acque, causata dalla differenza di temperatura e quindi dalla densità, influisce profondamente sull’ecosistema. Infatti, il fitoplancton si sviluppa nelle acque di superficie ben illuminate, che si impoveriscono di sali come fosfati e nitrati.

mar dei sargassi mappa

A causa della differenza di densità tra le acque superficiali e profonde, nel Mar dei Sargassi non si ha un rimescolamento e questo provoca la mancanza di grossi predatori come anche di specie pelagiche. Ma grazie proprio ai sargassi, un alga che vive abbondantemente in quelle acque, si è creato un ecosistema del tutto particolare ricco di microrganismi che vivono a stretto contatto con le alghe. Sembra siano stati i primi navigatori portoghesi a dare il nome “sargassum” alle alghe. Grovigli di alghe marine galleggianti che fluttuano ovunque e che galleggiano grazie a delle vescichette piene di aria.

Sargassum, l’alga che dava nostalgia del “vino di casa”

pesci del mar dei sargassi
Nelle misteriose acque del Mar dei Sargassi, piccoli pesci guizzano tra le fronde delle alghe verdi e dorate svolazzando come in una fitta foresta pluviale. E, come gli alberi della foresta le alghe dei Sargassi offrono un riparo alle molte forme di vita che vi si sono stabilite.

Il nome sargassi  o sargassum sembra provenga proprio dai marinai portoghesi che sentendo la nostalgia del “vino di casa” chiamarono le alghe salgazo, perchè simili alla varietà d’uva da vino portoghese. Una grande varietà di organismi marini vive a stretto contatto con le alghe del mar dei sargassi. Piccole alghe incrostanti, piccoli idrozoi, vermi marini, briozoi ed altre forme di vita. Anche alcuni piccoli pesci abitano quell’universo cosi interessante. Le specie ittiche si possono suddividere in specie stanziali e specie migratorie. Tra i pesci stanziali c’è sicuramente il pesce lima, il pesce agi dei sargassi, che si mimetizzano superbamente tra gli steli delle alghe.

L’arlecchino dei sargassi, Histrio histrio, che significa “attore”. Il pesce è un esperto illusionista e recita perfettamente la fronda dell’alga.

Tra le specie migratorie le più conosciute sono proprio le anguille che trascorrono la maggior parte della loro vita proprio lontano da quelle acque  e che ritornano nel Mar dei Sargassi solo per riprodursi, dopo lunghi ed incredibili viaggi.

Le anguille dei Sargassi

La storia più interessante di queste acque cosi particolari è quella della vita delle anguille.  Il fatto che le anguille erano abbondanti nelle acque dolci d’europa nonostante non fossero mai state trovate uova o giovani esemplari aveva suscitato l’interesse di diversi studiosi. Tra cui anche Aristotele. Il filoso greco aveva addirittura suggerito l’ipotesi che le angulle si riproducessero spontaneamente nel fango sul fondo dei laghi. Fu solo all’inizio del ‘900 che lo scienziato danese Johannes Schmidt decise di risolvere l’antico mistero sulla riproduzione delle anguille.  Dopo anni di scrupolose ricerche riusci ad affermare che le anguille andavano a riprodursi verso le calde e tranquille acque del Mar dei Sargassi.

mar dei sargassi anguilla

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal