• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Nautica e barche
  • Commenti dell'articolo:1 commento
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:12 Giugno 2022

La bitta non è nient’altro che uno strumento nautico che puo’ essere montato sulla paratia di una barca o sulla banchina per legare o avvolgere corde e cavi per mettere una barca in ormeggio.
Le prime bitte erano fatte in pietra o in legno, oggi invece sono costruite in metallo o in pietra. Le bitte sono costruite con diverse forme, alcune hanno forma di fungo altre invece hanno due sporgenze sulle parti laterali che hanno la funzione di fermare i cavi e non farli sfilare.

bitta da banchina
Una bitta da banchina

Differenza tra bitta e galloccia

Attenzione a non confondere una bitta con la galloccia. Spesso si fa questa confusione chiamando appunto bitta la galloccia. La galloccia è quello strumento installato su tutte le barche che permette di fermare una cima o un cavo per mettere la barca in ormeggio o per mettersi all’ancora. Sono sempre montate
Una galloccia ha generalmente un base piatta che viene fissata alla barca da cui fuoriescono due piccole asticine che termina con due estremità dette falchette o corna che servono a bloccare la cima della barca. Esiste infatti un nodo marinaio chiamato appunto nodo di galloccia che permette di ormeggiare la barca e poter sciogliere il nodo rapidamente per disormeggiare.
Le gallocce sono fissate alla barca tramite delle viti ma è consigliato sempre, visti gli sforzi praticati dalla galloccia, di applicare prima del montaggio uno strato di colla. Esistono gallocce in plastica dura ideali per piccole imbarcazioni, altre invece in metallo o in acciaio inossidabile.

Come pulire una galloccia in acciaio inox ?

Il consiglio è sempre lo stesso, olio di gomito. L’acciaio tende infatti ad ossidarsi e a perdere lucidità creando delle incrostazioni antipatiche. In molti utilizzano il sidol, un prodotto per lucidare l’acciaio oppure polish con ovatta o ancora la pasta abrasiva. Evitate di utilizzare l’acido cloridrico che sul momento elimina le incrostazioni ma lascia degli aloni orribili sulle gallocce.

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Questo articolo ha un commento

  1. PIERO

    Gallocce si scrive senza la “i”. Cioè non galloccie ma gallocce.

Lascia un commento