Home Subacquea, immersioni,diving, fotografia subacquea. Storia della fotografia subacquea

Storia della fotografia subacquea

1274
0
storia della fotografia subacquea, fotografia subacquea, fotosub
storia della fotografia subacquea, fotografia subacquea, fotosub


Oggi la fotografia subacquea o fotosub è diventata sempre piu’ una maniera per far conoscere il mare ed i suoi abitanti grazie a tutti i subacquei che si dedicano a questa attività. Sicuramente anche un modo per proteggerlo.

Gli albori della fotografia sott’acqua

Sino a 30 anni fa quando anche le regolamentazioni erano ancora poco chiare l’immersione libera era fine a se stessa, e spesso chi immergeva per trovare delle nuove emozioni doveva spingersi in ambienti più’ profondi spesso anche rischiando la vita. O ancora alcuni subacquei per rendere l’immersione più’ “emozionante” portavano con se il fucile andando a pesca con l’autorespiratore attività che poi e’ diventata totalmente vietata. Da quando gli apparecchi fotografici si sono evoluti ed i costi sono stati alla portata di tutti si è incominciato a fotografare in maniera sempre più’ cognitiva e con stili differenti. Sono nati tantissimi concorsi e contest di fotografia, di cui uno dei piu’ importanti si svolge a Marsiglia ed è il festival dell’immagine sottomarina.

zoveud1pa3xaof8buscu Storia della fotografia subacquea
storia della fotografia subacquea,

Fotosub in Italia: sono stati in tanti nel nostro paese, i forieri  di questa attività. Sicuramente non possiamo dimenticarci di uno dei più’ grandi fotografi subacquei italiani, il grande fotografo subacqueo Andrea Ghisotti, che tutti si ricorderanno quando sfoglieranno quelle sue fotografie ricche di significato che accompagnano ancora tantissimi redazionali sulle maggiori riviste italiane del settore, dagli anni 60 ad oggi.

297748-tectonic Storia della fotografia subacqueaLa fotografia subacquea è pero’ piu antica di quanto si possa pensare; la prima fotosub risale al 1893, quando un docente della facoltà di scienze della Sorbona, Louis Boutan, si immerse con lo scafandro e con un “apparecchio detective” a lastre anch’esso scafandrato in un involucro di rame, realizzato appositamente da un fabbro per l’evento. Ovviamente le lastre erano in bianco e nero e la mancanza di luce non diete gli effetti sperati. Circa 30 anni dopo, un ittiologo americano, Longley, utilizzò le lastre progettate dai fratelli LUMIÈRE per imprimere le immagini.

jacques_costeau-700x153 Storia della fotografia subacquea
Jacques Cousteau il pioniere delle immagini sottomarine

L’escamotage usato per aumentare la luminosità, dato che la sensibilità era di un solo DIN era alquanto “pericolsa”. Longley collego’ lo scatto con l’esplosione di mezzo chilo di polvere di magnesio che con la sua luce riusciva ad illuminare i fondali. Nel primo dopoguerra Hans Haas, un eclettico austriaco, riusci a scafandrare per bene una “robot” e riuscendo ad avere delle ottime immagini, riusci anche a fotografare i primi squali durante un immersione. Lo stesso Haas brevettò e cominciò a commercializzare uno dei primi scafandri, la “Rolleimarin” adatta a scafandrare la Rolleiflex , che ebbe un grande successo per l’epoca. Nel 1962 viene terminato il progetto della Calypso Phot, nata da un’idea del vero pioniere della fotografia subacquea, JAQUES COSTEAU, che con Jean De Wouters mise a termine un apparecchio fotografico stagno,  l’apparecchio era totalmente scafandrato e fu utilizzato da Cousteau per le sue prime fotoriprese per i mari del mondo. Dopo il lancio sul mercato del prodotto si fece avanti una grossa azienda giapponese che ne acquistò il brevetto dopo aver pensato di apportare delle piccole modifiche alla Calypso. Era nata la prima NIKONOS, e l’azienda che l’aveva acquistata era la NIKON. Dopo il primo modello ne vennero realizzate 5 serie, prodotte in migliaia di esemplari. Grazie alla NIKONOS si apre la porta alla fotografia subacquea moderna.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui