Pesca sportiva al cefalo: guida completa

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
pesca al cefalo

Il cefalo (Mugil cephalus) è un pesce d’acqua salata appartenente alla famiglia Mugilidae. È una specie comune nel Mar Mediterraneo, nell’Atlantico orientale e nel Mar Nero.

La pesca sportiva al cefalo è un’attività molto popolare in Italia. Il cefalo è un pesce combattivo e divertente da pescare, e la sua carne è apprezzata per il suo sapore delicato.

Attrezzatura

L’attrezzatura necessaria per la pesca sportiva al cefalo è relativamente semplice. È sufficiente una canna da pesca leggera o media, un mulinello con una bobina caricata con un filo da 0,16-0,20 mm, un piombo da 50-100 g e un amo del n. 6-8.

Esche

Le esche più efficaci per la pesca sportiva al cefalo sono il pane, il bigattino e il verme di mare. Il pane è l’esca più semplice da utilizzare, ma può essere efficace anche il bigattino e il verme di mare, che sono esche più naturali.

Tecniche di pesca

Le tecniche di pesca più utilizzate per la pesca sportiva al cefalo sono la bolognese e la pesca a fondo.

Bolognese

La pesca a bolognese è la tecnica più utilizzata per la pesca sportiva al cefalo. Si tratta di una tecnica semplice e divertente, che permette di pescare a diverse profondità.

Per la pesca a bolognese, si utilizza una canna da pesca leggera o media, un mulinello con una bobina caricata con un filo da 0,16-0.20 mm, un piombo da 50-100 g e un amo del n. 6-8.

L’esca viene innescata su un amo del n. 6-8 e lanciata in acqua. La canna viene poi posizionata su un supporto e la lenza viene lasciata scorrere sul fondo.

Pesca a fondo

La pesca a fondo è una tecnica più impegnativa della pesca a bolognese, ma può essere più efficace in determinate condizioni.

Per la pesca a fondo, si utilizza una canna da pesca media o pesante, un mulinello con una bobina caricata con un filo da 0,20-0.30 mm, un piombo da 100-200 g e un amo del n. 8-10.

L’esca viene innescata su un amo del n. 8-10 e lanciata in acqua. La canna viene poi posizionata su un supporto e la lenza viene lasciata cadere sul fondo.

Spot

I posti migliori per la pesca sportiva al cefalo sono i fondali sabbiosi o fangosi, vicino alle foci dei fiumi o alle pareti rocciose.

I cefali sono pesci gregari, quindi è più probabile trovarli in banchi.

Tempo

I cefali sono pesci attivi durante tutto l’anno, ma sono più propensi a morsicare nelle giornate di mare calmo e soleggiato.

Consigli

Ecco alcuni consigli per la pesca sportiva al cefalo:

  • Utilizzare un’esca fresca o viva.
  • Lanciare l’esca nella zona in cui si trovano i cefali.
  • Muovere l’esca lentamente per attirare l’attenzione dei pesci.
  • Non ferrare subito quando si sente una mangiata.

Curiosità

Il cefalo è un pesce onnivoro. Si nutre di zooplancton, piccoli invertebrati e alghe.

Il cefalo è un pesce importante per l’ecosistema marino. È una fonte di cibo per altri pesci e mammiferi marini.

Conclusione

La pesca sportiva al cefalo è un’attività divertente e gratificante. Con un po’ di pratica, è possibile catturare questi pesci combattivi e gustosi.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini