serpenti di mare


Ogni anno 80 tonnellate di serpenti di mare velenosi vengono catturati nel Golfo della Thailandia, è un business pericoloso per l’uomo ma anche per i serpenti.

Ogni giorno i pescatori del golfo della Thailandia rischiano la vita per catturare i serpenti di mare. Un’azione rischiosa per entrambe le parti: i serpenti rischiano l’over-fishing, l’uomo rischia il morso velenoso.
Adesso le associazioni ambientaliste stanno chiedendo un programma di monitoraggio per valutare l’impatto sull’ecosistema della cattura dei serpenti di mare.
La rivista Conservation Biology ha appena pubblicato un report che vede un netto calo della popolazione dei serpenti di mare rispetto al 2009. Adesso bisogna capire se la causa è la pesca eccessiva o altri fattori come l’inquinamento.

I pescatori di serpenti di mare vanno a caccia di serpenti di notte a bordo di piccole imbarcazioni con piccoli equipaggi. Grazie ad una fonte luminosa con cui attirano i calamari, i pescatori riescono ad attirare anche i serpenti di mare.

Il commercio degli ultimi anni è cresciuto notevolmente. Se 20 anni fa c’erano 20 pescherecci che praticavano questa tecnica, oggi, nel golfo della Thailandia se ne contano più di 700, che catturano ogni anno fino a 80 tonnellate di serpenti di mare. In particolare la preda preferita è l’ Hardwick, un serpente di mare nero con delle fasce sul corpo.

serpenti di mareUna volta a terra i serpenti di mare vengono smistati e separati per dimensione. Dopodiché sono pronti per la vendita al dettaglio. I serpenti vengono passati di mano in mano senza la paura che un morso possa uccidere i pescatori. Una volta finita la vendita si riparte per un’altra battuta al serpente di mare. Oltretutto in Thailanda trovare l’antidoto per questo veleno non è per nulla semplice. Se un pescatore viene morso, il veleno viene subito estratto con una lametta da barba. Il taglio della parte morsa fa fuoriuscire il sangue infetto e si ritorna al lavoro. I pescatori utilizzano dei sistemi per difendersi dal morso: sfregare dell’aglio sul morso o passare sopra la ferita un corno di rinoceronte.

serpenti di mareNaturalmente il vantaggio economico è superiore al rischio di essere morsi, e il commercio del serpente di mare trova sempre più operatori. Il serpente viene consumato come cibo, bevanda o anche medicina, sia in Thailandia che in Cina e Vietnam. Si dice che la carne sia una prelibatezza e viene cucinato sia in zuppe che fritto.

A volte il serpente viene immerso in vino di riso e servito come bevanda. Il sangue può anche essere miscelato con l’alcol. La gente crede che porti benefici alla salute. Viene anche preparato un medicamento che combatterebbe anoressia, insonnia e mal di schiena.

serpenti di mare

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui