Ascidie coloniali – Botrylloides

Il Giornale dei MARINAI I TunicatiAscidie coloniali – Botrylloides
5
(2)

Questa scheda tratta in via prioritaria le specie autoctone dell’Europa: Botrylloides leachii, ma anche specie invasive simili che è impossibile distinguere in immersione o in foto

Specie cosmopolita e invasiva, in particolare nelle acque temperate, B. leachii vive dalla Norvegia al Mediterraneo in Europa, dove ha origine . La sua presenza è citata, tra le altre, dal Mar Rosso all’Australia, Nuova Zelanda, Nuova Caledonia, Indonesia, Filippine, costa occidentale degli Stati Uniti e Giappone (Pacifico), costa orientale del Canada (Atlantico). Ancora una volta, queste potrebbero essere specie diverse.

Dove vivono

Su substrati duri  (rocce, conchiglie, grosse alghe brune), si incontrano immergendosi dalla superficie fino a una quindicina di metri, sono state osservate fino a diverse centinaia di metri. Le colonie presenti sulla sabbia sono sempre fissate su un supporto rigido (conchiglie vuote …).

DESCRIZIONE

La descrizione che segue è quella della specie Botrylloides leachii , quasi identica, da un punto di vista macroscopico, per le altre specie di Botrylloides incontrate in Europa.
È una specie coloniale composta da diverse centinaia di individui uniti da una tunica più o meno trasparente. Incrostante e soffice, forma strati piatti ma carnosi che possono mostrare tutti i colori ( pieni o bicolori ) possibili a seconda della zona in cui si trova. La pigmentazione è spesso giallo-arancio, ma anche più chiaro, rosso, marrone, a volte punteggiato da punti bianchi. Il suo aspetto generale ricorda fortemente alcune spugne incrostanti. Le colonie sono morbide e morbide al tatto. Gli zoidi  sono organizzati in due file parallele che portano a  sifoni  cloacali allungati o circolari dove terminano i canali esalanti  che separano le file sinuose e sinuose degli zoidi . 

Ogni individuo è collegato agli altri membri della colonia da una rete di vasi sanguigni terminati da piccoli bulbi arrotondati densamente allineati, questi ultimi sono visibili in gran numero in periferia delle colonie e sono caratteristiche del genere. La colonia ha uno spessore medio di 4 mm e può estendersi sul substrato da pochi centimetri a poche decine di centimetri.

Attenzione : le diverse specie di ascidie non possono essere determinate con certezza dalle foto, per quanto buone possano essere. Gli elementi di anatomia interna sono assolutamente necessari, anche a livello di genere. Se un subacqueo esperto, in una località limitata, può raggruppare esemplari in una data specie, questo non è più valido per un altro individuo e un’altra regione. Da qui le innumerevoli confusioni nella letteratura e nei siti WEB.

ALIMENTAZIONE

La dieta di Botrylloides spp. è di tipo microfago filtrante .

RIPRODUZIONE

Questa specie  ermafrodita è viviparo . Le uova vengono incubate fino alla schiusa delle larve  nella cavità cloacale che funge da tasca dell’incubatrice e in cui avviene la fecondazione. La larva libera, è costituita da una regione o corpo anteriore allargata, seguita da una lunga coda appiattita trasversalmente. È circondato da una tunica priva di elementi cellulari e realizzata in cellulosa. La coda è sostenuta da una corda dorsale *. Il tubo del nervo caudale si estende nel corpo e si espande in una vescicola cerebrale. La vita libera della larva è breve. Poche ore dopo la schiusa, la larva cade su un supporto al quale si attacca mediante papille adesive dalla sua estremità anteriore. Subisce poi una metamorfosi regressiva durante la quale scompaiono la coda e la vescicola cerebrale. Il potere del germogliamento appare dopo la metamorfosi e ogni colonia risulta dalla riproduzione asessuata per gemmazione di un singolo individuo. La riproduzione è possibile tutto l’anno.

Inoltre, questa specie è dotata di un forte potere di rigenerazione. La dispersione per frammentazione delle gemme (vesciche periferiche) consente una rapida invasione di una nuova area da parte di questo tunicato. È il caso delle zone di mitilicoltura (mitilicoltura) che soffrono di questa specie altamente invasiva (estuari sulla costa orientale del Canada, stagni costieri mediterranei, Zelanda, ecc.).

BIOLOGIA


Di recente, un team di ricercatori israeliani ha mostrato la grande capacità di rigenerazione di questo tunicato. Botrylloides leachii è in grado, da un frammento di un vaso sanguigno (bulbo), di rigenerare un intero organismo di pochi millimetri e di maturare sessualmente in due settimane. L’acido retinoico, un derivato della vitamina A coinvolto nel differenziamento cellulare, svolge un ruolo essenziale nei meccanismi molecolari di rigenerazione.
La grande variabilità del mantello (colore) deriva da diverse combinazioni genetiche, molto simili al colore degli occhi per gli esseri umani. Anche i vasi sanguigni e i bulbi terminali incorporati in un rivestimento trasparente, sono colorati e spesso in modo diverso rispetto agli zoidi (spesso colonia bicolore). I colori di questi animali non sono quindi dovuti ad alghe simbiotiche * come nel caso di altri organismi marini.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino