Storia della navigazione

Il Giornale dei MARINAI Nautica e barcheStoria della navigazione
5
(1)

LA NAVIGAZIONE ANTICA NEL MEDITERRANEO

Quali fossero le possibilità dei nostri progenitori di spostarsi sulle acque è da sempre stata una domanda a cui si è cercato di dare una risposta. Probabilmente il primo tentativo di oltrepassare dei piccoli stretti o le rive opposte di un fiume avvenne sul dorso di un tronco o di un fascio di rami che permetteva di galleggiare. Soltanto in epoca antica e col perfezionamento delle costruzioni navali, e il coinvolgimento di numerose culture e popolazioni che abitarono il bacino del Mediterraneo, si iniziano a differenziarsi le modalità con cui si svolgeva la navigazione. Nel contesto marittimo la navigazione antica è in stretto rapporto con la tipologia e le dimensioni dell’imbarcazione. Si navigava sia a vela che a remi. I remi erano prevalentemente in uso nelle navi militari, si poteva arrivare ad un numero notevole di rematori, come nel caso delle navi da guerra del periodo ellenistico. Il Leontoporos aveva 50 serie di banche di voga e due remi mossi da otto persone per un totale di 1600 rematori. La propulsione velica era utilizzata soprattutto sulle imbarcazioni commerciali.

La navigazione antica era essenzialmente una navigazione empirica. È il senso nautico dei marinai e la loro capacità di percepire i messaggi dall’ambiente che li circonda a permettere di orientarsi con sicurezza. I riferimenti astronomici e ambientali e i dettami dell’esperienza sostituivano la navigazione strumentale. Sebbene non conoscessero la bussola e non disponessero di tecnologie nautiche moderne Greci, Fenici, Romani navigarono il giorno e la notte in affrontando navigazioni d’altura anche fuori dal Mediterraneo. L’abilità nautica vichinga dimostra che si potavano affrontare anche navigazioni in alto mare e su lunghe distanze. La navigazione antica si divide, dunque, in navigazione di piccolo cabotaggio, grande cabotaggio, e una navigazione di altura. Il cabotaggio è una navigazione che avviene non allontanandosi dalla costa e con la terra in vista. La prola deriva dal portoghese cabo, capo e letteralmente intende uno spostamento da .

IL grande cabotaggio è una navigazione che si svolge su lunghe distanze, senza scalo, tenendo sempre di vista la terra ferma, viaggiando sia il giorno che la notte per numerosi giorni. L’imbarcazione in questo caso si tiene lontano dai bassi fondali e dagli scogli affioranti  ma ha possibilità di sfruttare sia le brezze di mare che quelle di terra. Questa modalità di navigazione può essere assimilata alla navigazione di altura per quanto riguarda la percorrenza e può essere fatta con imbarcazioni di grandi e piccole dimensioni. Il grande cabotaggio prevedeva tratti di navigazione di altura che permetteva di diminuire le distanze facendo rotta unendo le due estremità di un golfo tenendo d’occhio dei punti cospicui. Contrariamente a quanto si può pensare anche la navigazione d’altura era praticata nell’antichità. In questo tipo di navigazione si affrontano lunghe distanze senza avere la terra ferma in vista e una navigazione di più giorni. In questo modo si potevano spostare grandi carichi tra gli emporia internazionali nel modo più sicuro ed economico.

La navigazione che ebbe maggior fortuna nell’antichità fu comunque la navigazione di piccolo cabotaggio che era strettamente legate alle attività economiche e commerciali che avvenivano nelle ricche coste del bacino mediterraneo. Gli obiettivi per cui l’uomo antico andava per mare erano numerosi e riguardavano diversi ambiti: pesca, commercio, esplorazione, e finalità militari. La navigazione da diporto era rara, i passeggeri si affidavano alle navi onerarie per spostarsi lungo le rotte che queste praticavano normalmente per il trasporto delle merci.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Nato a Palermo il 21 maggio 1982, si è laureato in archeologia presso l’università degli studi di Bologna. Ha partecipato a numerosi scavi archeologici, sia in territorio italiano che estero. Ha partecipato in qualità di collaboratore per quasi tre anni alle attività di rilievo degli scavi archeologici della necropoli ovest di Himera. i occupa di rilievo archeologico ed è specializzato in archeologia navale.

1 thought on “Storia della navigazione”

  1. Giovanna Falasca ha detto:

    Gent.mo dott. Giadagnino,
    sto cercando indicazioni storiche sulla navigazione. Non ho proprio le conoscenze e i mezzi per reperire informazioni storiche in un ambito così specifico, ovvero sul tipo di navi esistenti alla metà del XIX ed in particolare di quelle usate per la navigazione civile. Sto scrivendo un racconto ambientato lungo delle coste del Mar Nero intorno al 1850 e non riesco a trovare né sitografia né bibliografia utile per avere informazioni precise sui tipi di nave che erano in uso in quel periodo, sulle rotte che venivano seguite, sui tempi necessari per raggiungere i porti principali, etc… Non vorrei scrivere cose sbagliate e relative a contesti storici diversi da quello che mi interessa.
    Potrebbe cortesemente darmi qualche indicazione utile in merito? indicarmi dove/come iniziare questa ricerca storica?
    Ringrazio e rimango in attesa di un cortese riscontro. Giovanna Falasca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal