La medusa Carybdea marsupialis – la cubomedusa presente in Mediterraneo

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email
Carybdea marsupialis

Carybdea marsupialis, conosciuta anche come cubo é una cubomedusa tipica dell’Oceano Atlantico ma é anche presente in Mar Mediterraneo e nell’Oceano Indiano. La sua presenza in Mar Mediterraneo é stata documentata per la prima volta nel 1957. Si tratta di una medusa pelagica, la sola specie di cubomedusa ad oggi presente in Mediterraneo.

Una medusa piccola, che non supera i 4 cm di diametro dell’ombrella a forma di un cubo e trasparente. Sono presenti tentacoli lunghi 10 volte il corpo circondati da anelli rossi.

Questa cubomedusa ha una forma di campana piatta e quadrata, con quattro tentacoli a forma di corda che pendono dalla base della campana. E’ di solito di colore trasparente o bianco con quattro macchie rosse sulla campana. La campana può raggiungere una lunghezza di circa 10 cm, mentre i tentacoli possono estendersi fino a 1,5 m.

A differenza di altre cubomeduse come ad esempio la vespa di mare (Chironex fleckeri)*, C. marsupialis possiede delle tossine meno potenti ma che sono sempre in grado di provocare ustioni nell’uomo. Le cnidocisti presenti nei tentacoli sono in grado di inoculare il veleno rapidamente. In caso di contatto la prima cosa da fare é di eliminare i tentacoli per evitare forti irritazioni e cicatrici.

Se si viene punti dalla medusa Carybdea marsupialis, è importante rimanere calmi e cercare immediatamente assistenza medica. I tentacoli di questa cubomedusa possono essere rimossi con una pinza o con un pezzo di carta o di plastica rigida. È importante evitare di toccare i tentacoli con le mani nude, poiché ciò può aumentare la quantità di veleno che viene rilasciata. Dopo aver rimosso i tentacoli, la zona interessata deve essere raffreddata con acqua salata e deve essere applicato un antidolorifico.

Carybdea marsupialis (Linnaeus, 1758) è l’unica medusa presente nel Mediterraneo, dove viene occasionalmente osservata a basse densità. Dal 1980, sono state rilevate popolazioni ad alta densità nel Mar Adriatico. A partire dall’estate del 2008, i servizi di primo soccorso sulle spiagge di Denia (Spagna) hanno registrato un elevato numero di persone che sono entrate in contatto con questa medusa.  

La densità di C. marsupialis è stata elevata dal 2008 (a circa 1 m di profondità, la densità media è di circa cinque individui per 100 m2 con picchi massimi di oltre 200 individui adulti per 100 m2). La fase adulta di C. marsupialis coincide con i mesi estivi e quindi c’è una maggiore probabilità che questa medusa punga i bagnanti.

Gli adulti hanno un’altezza dell’ombrello di circa 4 cm e la loro forma assomiglia a un “cubo di ghiaccio”, con solo quattro tentacoli sottili tra 5 e 15 cm. Gli effetti della puntura di C. marsupialis sugli esseri umani sono stati descritti nell’Adriatico nel 1992 e nel 1997, con solo dermatiti descritte nei pazienti.

Capace di nuotare e di cambiare traiettoria rapidamente , la medusa Carybdea é una specie carnivora che si nutre di piccoli pesci che caccia in superficie.

La riproduzione

I sessi sono separati, e dopo l’emissione in acqua dei gameti si ha una larva ciliata capace di nuotare (planula). Questa larva si trasformerà in un piccolo polipo, che non si attaccherà ma rimarrà pelagico . Dopo alcune ore questo polipo si trasformerà direttamente in una minuscola efirula..

Il ciclo di riproduzione di questa medusa differisce quindi da quello delle scyphomedusae per il fatto che non c’è mai fissazione della planula, e che non c’è neppure strobilizzazione del polipo. La parte asessuata del classico ciclo di riproduzione degli Cnidari è quindi scomparsa.

*Chironex fleckeri conosciuta anche come vespa di mare é considerata la medusa più velenosa al mondo. La sua puntura può causare forti dolori cutanei, infiammazione e necrosi, ipotensione e ipertensione, tachicardia e aritmia. È diffusa nella fascia costiera dei mari del nord dell’Australia e del Sudest asiatico.

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 2 Media: 3]
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Pinterest
Email
Tags :

Lascia un commento

Ultimi articoli
Le schede degli organismi marini