pescare scorfani


1

Consigli ed esperienze per pescare gli scorfani dalla barca.

In realtà non esiste un tecnica specifica per pescare gli scorfani. Lo scorfano è spesso specie unica del carniere. Specie molto solitaria non ama la vita diurna, ne tantomeno si solleva dal fondale, dove vive per gran parte del ciclo vitale. Le prede solitamente sono catturate dall ‘ultimo amo quello radente il fondale.

poljubac-skarpini-700x199 Come pescare gli scorfani dalla barcaForse soltanto a scopo riproduttivo o chissà per quale altro ignoto motivo, gli scorfani si radunano raramente per cui bisogna essere fortunati per pescarne diversi nella stessa battuta. Per pescare gli scorfani su fondali importanti è d’obbligo l’utilizzo dei mulinelli elettrici e di canne da bolentino almeno da 12-14 libre. Prima di collegare il terminale con il filo in bobina è utile sempre inserire una lampada stroboscopica per rendere il calamento più visibile ed attirare le prede attorno agli ami.

Dove abbiamo pescato gli scorfani

scorfqno-4-126x400 Come pescare gli scorfani dalla barcaIl banco di Graham dista circa 30 miglia dal porto di Marinella di Selinunte, il fondale che li separa degrada molto dolcemente, per circa 3- 4 miglia il fondale non si solleva dai 40-45 metri di profondità indicando sugli ecoscandagli una vastissima prateria di Posidonia Oceanica. Graham è una vasta piattaforma rocciosa, che costituisce la bocca di un vulcano sommerso. Nel 1968 con il terremoto della valle del Belice fece ribollire le acque di Graham e si pensò che l’isola stesse per riemergere. Viste le diatribe politiche del ‘800 a scanso di equivoci la Regione Siciliana pose una targa sulla quale si legge “L’isola Ferdinandea era e resta dei Siciliani”.

Le migliori esche per pescare gli scorfani

Un ampio range di esche nel frigo, calamari a pezzetti, polpo spellato e sardine non devono mancare mai tra le esche del bolentinista. Sul fondo arrivano 5 ami, quello più prossimo al fondo innescato con un tocco di sardina rivestito dal mantello del calamaro, per stimolare due sensi della preda, l’olfatto e la vista. Gli ami più in alto invece innescati con piccoli calamaretti interi (una delle prede preferite per gli occhioni) ed il quinto amo, (foto amo cernia) quello più in alto, innescato con un mix molto voluminoso, calamari, sardine innescate dalla testa a grappolo ed uno sgombro tagliato a metà, questo per sperare di far incuriosire qualche cernia.

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui