Il calamaro vampiro: un nome… nessuna garanzia

Il Giornale dei MARINAI Biologia marinaIl calamaro vampiro: un nome… nessuna garanzia
5
(2)

Faccia a faccia con il calamaro vampiro

Soltanto il nome fa paura, l’idea di nuotare in acque infestate da questi cefalopodi incute terrore ma dobbiamo sfatare questa leggenda…il calamaro vampiro non è un calamaro assetato di sangue ma si nutre di “spazzatura”.

Questo animale, dal nome scientifico di Vampyroteuthis infernalis, non è per nulla un pericoloso predatore degli abissi, anzi. Uno studio condotto sulla specie rivela che il mollusco ama nutrirsi dei resti che si depositano sul fondale marino chiamati “nevi marine“, si tratta di miscugli di plancton morto, alghe e materia fecale in decomposizione e altri detriti depositati sul fondale.

Il cibo viene raccolto grazie a due filamenti ricoperti di piccoli peli, una volta raccolto il nutrimento utilizza il suo muco come collante preparando delle vere e proprie “polpette” prima di ingerirle. I dati sono stati estratti da alcune riprese video e da esperimenti fatti in laboratorio, anche se questa specie è difficile da mantenere in vita in acquario. Spaventosi lo saranno soltanto fisicamente, e se gli altri cefalopodi sono predatori, il calamaro vampiro non lo è. Forse sarebbe più giusto chiamarlo il calamaro spazzino!

Questo simpatico mollusco vive a grandi profondità, tra i 600 ed i 900,  là dove la luce non arriva. La zona afotica è il suo ambiente, è li che caccia le sue prede nel buio delle tenebre. Questa zona è conosciuta come zona di ossigenazione minima, dove il livello di ossigeno si trova al di sotto del 3% quando invece sulla terra supera il 21%. E, per tal motivo sono pochissimi gli organismi che si sono adattati a vivere in questa fascia cosi estrema. Oltre al buio la temperatura non supera mai i 6° centigradi.

immagine di un calamaro vampiro
Vampyroteuthis infernalis

Livelli di ossigeno cosi bassi non sono sufficneti a soddisfare il metabolismo metabolico degli organismi aerobici, ma non per il calamaro vampiro.

Il mollusco ha sviluppato caratteristiche che gli permettono di essere il dominatore di questa fascia d’acqua. Metabolismo lento, Sangue ricco di emocianina che trasporta l’ossigeno in maniera rapida ed efficiente.  

Capaci di vedere anche al buio grazie a fotorecettori, i calamari vampiro sono in grado di rilevare anche i minimi bagliori di luce.

Come un supereroe dei mari, il calamaro vampiro per difendersi emette un muco appiccicoso e bioluminescente dai tentacoli che blocca il predatore e permette al calamaro di dileguarsi nell’oscurità. Si perché il calamaro vampiro non ha la sacca dell’inchiostro. La natura infatti ha fatto il suo corso e durante la sua evoluzione la sacca è scomparsa. Beh, se riflettiamo a cosa servirebbe sparare un inchiostro nero al buio?

Un video del Moteray Bay Aquarium Research Institute

Piccolo e gelatinoso

Non supera i 30cm, i suoi tentacoli sono uniti da una membrana che lo fanno assomigliare ad un paracadute aperto e due piccole pinne che si sviluppano da adulti che gli permettono di nuotare.

Cosa sappiamo del calamaro vampiro

  • Gli esemplari catturati ancora in vita non resistono più di 2 mesi negli ambienti artificiali.
  • Spesso si lasciano trasportare dalle correnti profonde oceaniche.
  • Sono rapidi e scattanti ma la corsa dura relativamente poco.
  • Si proteggono dai predatori fingendosi morti e nascondendosi al buio con la tecnica della “posizione ad ananas”.
  • Sono prede di balene e di pesci abissali.
  • Si nutrono di gamberi e di altri piccoli crostacei e come già accennato delle “nevi marine“.

Ma allora perche si chiama vampiro

Semplice : perché è misterioso e vive nelle tenebre degli abissi, non certo perché succhi sangue.

Incontro con l’uomo

A quelle profondità gli incontri avvengono solamente con ROV e Droni sottomarini, ma in caso salisse in superficie non ci sarebbe da avere paura. Il suo nome infatti non gli rende giustizia, si tratta di un “bonaccione” degli abissi.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal