Home Articoli e curiosità sul mare Il calamaro vampiro: un nome… nessuna garanzia

Il calamaro vampiro: un nome… nessuna garanzia

2195
0


1

Il diabolico calamaro vampiro non è poi cosi tanto diabolico, anzi!

Soltanto il nome fa paura, l’idea di nuotare in acque infestate da questi cefalopodi incute terrore ma dobbiamo sfatare questa leggenda…il calamaro vampiro non è un calamaro assetato di sangue ma si nutre di “spazzatura”.

Questo animale, dal nome scientifico di Vampyroteuthis infernalis, non è per nulla un pericoloso predatore degli abissi, anzi. Uno studio condotto sulla specie rivela che il mollusco ama nutrirsi dei resti che si depositano sul fondale marino chiamati “nevi marine“, si tratta di miscugli di plancton morto, alghe e materia fecale in decomposizione e altri detriti depositati sul fondale.

fuel Il calamaro vampiro: un nome... nessuna garanzia
Vampyroteuthis infernalis

Il cibo viene raccolto grazie a due filamenti ricoperti di piccoli peli, una volta raccolto il nutrimento utilizza il suo muco come collante preparando delle vere e proprie “polpette” prima di ingerirle. I dati sono stati estratti da alcune riprese video e da esperimenti fatti in laboratorio, anche se questa specie è difficile da mantenere in vita in acquario. Spaventosi lo saranno soltanto fisicamente, e  se gli altri cefalopodi sono predatori, il calamaro vampiro non lo è. Forse sarebbe più giusto chiamarlo il calamaro spazzino!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui