Un rarissimo esemplare di squalo Megamouth si è spiaggiato nelle Filippine. Probabile incidente causato dall’uomo


Squalo-dalla-bocca-grande-alle-Filippine-4 Squalo megamouth spiaggiato a Pio Duran nelle Filippine

Uno squalo megamouth di circa 5 metri è stato ritrovato spiaggiato da alcuni pescatori vicino al porto di Pio Duran nelle Filippine. Si tratterebbe del 63° avvistamento conosciuto. Lo squalo, classificato per la prima volta nel 1976, è anche conosciuto con il nome di squalo boccagrande (Megachasma pelagios). L’esemplare rinvenuto era privo della pinna caudale, il che fa pensare che si tratti di un incidente di pesca, impigliato magari in una rete. La morfologia di questo animale è alquanto particolare: un corpo fusiforme ed una testa dalle dimensioni spaventose. Ma lo squalo non è pericoloso per l’uomo ma si nutre di plancton e piccoli crostacei a grande profondità. Sembra che questi animali vivano a grandi profondità e risalgano in superficie soltanto nelle ore notturne per catturare il plancton che staziona nelle acque meno profonde.

Squalo-dalla-bocca-grande-alle-Filippine-3 Squalo megamouth spiaggiato a Pio Duran nelle FilippineIl 30 agosto del 1998 due ricercatori italiani, Pietro Pecchioni e Carla Benoldi, sono stati testimoni di un attacco di 3 grossi capodogli ad uno squalo.

Stavamo studiando una popolazione di balene con un gruppo di volontari del WWF Italia lungo le coste dell’Isola di Naim, nell’arcipelago di Bunaken (124° 50 3 N, 1° 46 W), quando fummo testimoni di un evento eccezionale. Cercando dei cetacei incontrammo tre esemplari di Capodoglio (Physeter macrocephalus) che attaccavano uno squalo, i quali nuotarono via non appena approcciammo verso di loro con la nostra barca da una distanza di 10-12 metri.

A questo punto vedemmo chiaramente il profilo di un grande squalo (circa 5 metri). La base della pinna dorsale e le branchie mostravano i segni dell’attacco dei capodogli e lo squalo stava nuotando lentamente ed ancora piuttosto confuso in superficie. Probabilmete era uno squalo mangiatore di plancton con una testa grande in proporzione al resto del corpo. Aveva dei segni bianchi sulle estremita’ delle pinne e sulla bocca e uno scuro e triangolare sotto la gola. Il lobo superiore della pinna caudale era molto grande: avevano trovato un esemplare espremamente raro di squalo Megamouth (Megachasma pelagios)!

 

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui