Quali pinne da sub comprare

Il Giornale dei MARINAI Subacquea, immersioni,diving, fotografia subacquea.Quali pinne da sub comprare
5
(2)

Come scegliere e comprare le pinne da sub

Indispensabili per il nuoto, l’apnea, le immersioni o per lo snorkeling le pinne sono il vostro motore propulsivo. Questi strumenti propulsori permettono infatti di muoversi efficacemente in acqua. Spesso però ci si trova ad affrontare annosi problemi come la scelta della calzatura subacquea più adatta.
I più esperti sanno che una pinna da sub non conforme non solo può affaticarvi nella vostra attività ma può anche essere causa di crampi e dolori al piede ed alle gambe sino ad arrivare alla schiena.

pinne da subLa storia della pinna da sub

Fu lo scienziato Benjamin Franklin a creare la prima pinna da sub. Si trattava di una pinna rudimentale creata con dei sottili pezzi di legno che Franklin da ragazzo utilizzava per nuotare nelle acque del Boston River. Successivamente furono il francese Louis de Corlieu e l’americano Owen Churchill a lavorare separatamente ad un progetto piu’ funzionale. Le pinne dell’americano Churchill furono cosi validate e utilizzate dalla marina americana che nel 1940 doto i suoi uomini rana del primo apparato propulsivo acquatico ovvero la pinna da sub.

Durante la seconda guerra mondiale furono gli incursori della decima Flottiglia MAS ad utilizzarle come arma segreta durante gli attacchi dal mare o dalle acque dolci.

La pinna: strumento indispensabile per il subacqueo

Le pinne oggi si dividono in due grandi famiglie: Le Bi-pinne e le monopinne:

Le bi-pinne non sono nient’altro che le pinne a scarpetta, sono composte infatti da due pinne, una per piede. Le pinne si dividono in pinna a scarpetta o pinna con cinghiolo o a molla. Le pinne a scarpetta si indossano a nudo o con un paio di calzari in neoprene senza suola invece le pinne a cinghiolo o a molla si utilizzano per le immersioni subacquee.

A loro volta le pinne a scarpetta si suddividono in

  1. Pinne a pala lunga
  2. Pinne a pala medio-corta
  3. Pinna cortissima
  • La pinna a pala lunga è utilizzata per l’apnea e per la pesca subacquea, la pinna a pala medio corta per le immersioni e le pinne cortissime sono utilizzate per il nuoto in bacini aperti o in piscina.
  • Le monopinne invece si suddividono in monopinne a pala piccola e monopinne a pala grande. La pala piccola è anch’essa utilizzata per il nuoto invece la pala grande (nel 99% dei casi sono in carbonio) per l’apnea profonda.

Come è fatta una pinna da sub

Dopo aver suddiviso le pinne da sub in famiglie un discorso a parte deve essere fatto sui materiali. La pinna deve non solo calzare bene ma deve essere anche efficace. A tal motivo oggi si sono sviluppati dei materiali in grado di dare alla pala della pinna resistenza e leggerezza. Le pale sono solitamente in materiale plastico o in carbonio. Ogni elemento della pinna è studiato per dare al subacqueo il massimo confort.

Le pinne da sub

    • Se siete dei subacquei alle prime armi alla ricerca dell’attrezzatura adatta a voi il consiglio è di comprare delle pinne da ARA ovvero da immersioni con autorespiratore. Si tratta della pinna a pala medio corta che abbiamo già menzionato. Ricorda che più lunghe sono le pinne e maggiore sarà lo sforzo nella pinnata. Scegliete pinne piuttosto rigide. A voi la scelta poi se devono essere a scarpetta o a cinghiolo. Le pinne a cinghiolo obbligano l’uso di un calzare con suola in gomma, vi permetterà di camminare in tranquillità tra le rocce ma aumenta anche il costo. Le pinne a scarpetta prevedono soltanto un calzare in neoprene ed il prezzo di aggira sui 10 euro
  • Le pinne per l’apnea invece sono lunghe e potenti. Molto rigide questo tipo di pinne permette di aumentare la potenza per scendere in profondità più velocemente. Sono pinne molto delicate e sconsigliate a chi si inizia a questa attività.

Come comprarle  su internet.

In realtà è come acquistare un paio di scarpe. Scegliete la pinna adatta alla vostra attività e preferite una taglia più grande rispetto al vostro piede. In questo caso qualora voleste andare in acqua in inverno potrete utilizzarle con dei calzari. Non comprate mai pinne della vostra misura o di misure più’ piccole, si è vero magari il piede entra ma dopo qualche pinnata saranno dolori.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 2

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto