La pesca con i cormorani

La pesca con i  cormorani ha avuto origine sulle sponde dei fiumi Giapponesi e  Cinesi a partire dal 960 A.C.

I cormorani essendo abili pescatori vengono addestrati a catturare i pesci e a “risputarli” nelle ceste dei pescatori. Ma il cormorano non riesce ad inghiottire la preda, dato che il pescatore ha legato con cura  un laccio legato al collo che non permette all’uccello di ingerire i pesci piu’ grandi. La pesca con i cormorani è una fonte di reddito per migliaia di pescatori chiamati ujô, lungo le sponde del fiume Nagara . Oggi  però questa pesca si è arrestata tantissimo, sopravvivendo soltanto grazie al circuito turistico con cui i pescatori riescono a fare affari. La pesca industriale è una ghigliottina per tutti i metodi di pesca tradizionali, motivo per cui questa tecnica viene tramandata dai circuiti culturali locali allo scopo di non far perdere la sua storia.          
La pesca con i cormorani è un’arte tramandata secondo un inflessibile sistema, detto isshi sôden, per cui i segreti e i procedimenti vengono insegnati soltanto ad uno dei propri figli. I pescatori hanno la qualifica di funzionari statali dell’Agenzia della casa imperiale e il loro compito è di tramandare quest’antica tradizione.

La tecnica di pesca con i cormorani

La pesca con i cormoraniI pescatori sono soliti tornare a terra con bottini considerevoli di ayu, una particolare specie di trota orientale. Grazie alle luci accese sulla barca, i timidi ayu si danno alla fuga ed in quel momento l’istinto predatorio del cormorano lo spinge a tuffarsi per catturarli. La bravura del pescatore sta nel recuperare il pesce dalla bocca del cormorano dopo che l’uccello ritorna sulla barca.

Gli ujô si muovono con le loro canoe in bamboo, portando con se i cormorani, sempre pronti ad immergersi ed a catturare le prede durante il tragitto. I cormorani riescono a compiere apnee sino a 6 metri di profondità, andando a scovare anche le prede piu’ grandi. Le specie  di cormorano utilizzate variano in base alla zona. In Gifu , Giappone , viene utilizzato il Cormorano giapponese ( P. capillatus ) ; I pescatori cinesi spesso utilizzano una altra specie di Cormorani ( P. carbo ).nophotochina-lijiang

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *