Il cavalluccio marino o ippocampo

Il Giornale dei MARINAI I pesci del MediterraneoIl cavalluccio marino o ippocampo
4
(1)

Il cavalluccio marino o ippocampo (Hippocampus hippocampus) vive in ambienti lagunari o a basse profondità dove le correnti ed i movimenti del mare sono praticamente assenti. Ama fondi sabbiosi anche se lo possiamo ritrovare in zone con roccia. Il cavalluccio vive vive a stretto contatto con il fondale dove si attacca ad alghe o a detriti grazie alla coda prensile. Il cavalluccio di mare vive da pochi metri sino a 15/20m di profondità. Il cavalluccio marino riesce a vivere in acque dove la salinità varia (ambienti euralini) come foci dei fiumi o lagune. Spesso in casi di eutrofizzazione si assiste a mortalità importanti di questa specie cosi preziosa per il Mediterraneo.

Morfologia del cavalluccio marino

Questo piccolo pesce signatide che ricorda la forma di un cavallo cresce sino ai 12/15cm. La dimensione è strettamente proporzionale alla sua età. Vive sino a 4/5. Il corpo è compresso lateralmente, la testa crea un angolo di 90° con il corpo. Questo pesce possiede una sorta di cresta triangolare e dei filamenti al di sotto degli occhi poco visibili agli occhi dei meno esperti. La bocca (detta proboscide) termina con una sorta di tubo caratteristico di tutti i signatidi. Il corpo presenta da 11 a 12 anelli ossei sul tronco e 3/5 sulla coda. La coda prensile serve come già detto ad attaccarsi ad un oggetto o ad afferrare il partner al momento dell’accoppiamento. Il colore del cavalluccio marino cambia in base all’ambiente dove vive. Alcuni cavallucci marini della specie Hippocampus hippocampus sono neri o verdi altri bruni con tonalità tendenti al rosso o al giallo.

Il maschio protegge le uova e partorisce i piccoli.

La grande particolarità dell’ippocampo sta nella sua straordinaria capacità di riproduzione. In questa specie infatti è il maschio a far sviluppare nel proprio ventre le uova dei nascituri. Durante il periodo estivo i maschi di cavalluccio marino entrano in contatto con le femmine corteggiandole con un rituale che può’ durare delle ore. Maschio e femmina entrano in contatto e cominciano una sorta di danza legati per la loro coda prensile.

La riproduzione del cavalluccio marini

La femmina del cavalluccio marino trasferisce le uova nella sacca marsupiale del maschio che le feconda e incuberà le uova per un periodo variabile da 10 a 45 giorni. Questo tipo di riproduzione è propria dei signatidi tra cui anche il pesce ago ed il pesce pipa.

La femmina rimane sempre a fianco del maschio, infatti è una delle poche specie monogame del mondo animale. La coppia rimane legata a vita riproducendosi anche più’ volte l’anno. Il parto avviene solitamente di notte con il maschio che emette gli avannotti all’esterno della sacca marsupiale. I piccoli grandi non piu’ di 16mm sono già pronti a cominciare la loro vita lontano dai genitori. Già alla fine del primo anno di età i piccoli sono maturi e possono andare alla ricerca del partner a cui rimarranno fedeli a vita. L’ippocampo, data questa sua caratteristica riproduttiva è considerato come una specie pseudo-vivipara.

Specie simili: Il cavalluccio camuso

Il cavalluccio camuso appartenete alla specie Hippocampus guttulatus presenta una proboscide ben più lunga del cavalluccio marino, presenta delle escrescenze epidermiche sul corpo e la pinna dorsale ha da 19 raggi in più dell’ippocampo. Difficilmente distinguibili da giovani cavalluccio marino e cavalluccio camuso.

L’alimentazione del cavalluccio marino

Si nutre di zooplancton in particolare di piccoli larve di crostacei e di uova di pesce. Cercano il cibo sotto la sabbia dove con la proboscide aspirano le piccole prede. Dopo aver aspirato il sedimento sputano fuori le particelle non commestibili.

Un pesce difficile da “scovare”

Grazie al mimetismo il cavalluccio marino riesce a fondersi con l’ambiente che lo circonda rimanendo invisibile ai predatori. Grazie alle cellule cromofore il cavalluccio marino cambia rapidamente colore per scomparire del tutto agli occhi dei predatori.

Una specie in pericolo

Il cavalluccio marino è in pericolo. Per saperne di più sul business mondiale che gira attorno a questa specie di signatidi ti consiglio di leggere questo articolo. Il business dei cavallucci marini

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal