Il cavalluccio marino


Il cavalluccio marino o ippocampo (Hippocampus hippocampus) vive in ambienti lagunari o a basse profondità dove le correnti ed i movimenti del mare sono praticamente assenti. Ama fondi sabbiosi anche se lo possiamo ritrovare in zone con roccia. Il cavalluccio vive vive a stretto contatto con il fondale dove si attacca ad alghe o a detriti grazie alla coda prensile. Il cavalluccio di mare vive da pochi metri sino a 15/20m di profondità. Il cavalluccio marino riesce a vivere in acque dove la salinità varia (ambienti euralini) come foci dei fiumi o lagune. Spesso in casi di eutrofizzazione si assiste a mortalità importanti di questa specie cosi preziosa per il Mediterraneo.

Morfologia del cavalluccio marino

Il-cavalluccio-marino-è-presente-nel-Mar-Mediterraneo-nellOceano-Atlantico-orientale-dal-Golfo-di-Guinea-presso-le-Isole-Canarie-fino-alle-Isole-britanniche-meridionali. Il cavalluccio marino o ippocampoQuesto piccolo pesce signatide che ricorda la forma di un cavallo cresce sino ai 12/15cm. La dimensione è strettamente proporzionale alla sua età. Vive sino a 4/5. Il corpo è compresso lateralmente, la testa crea un angolo di 90° con il corpo. Questo pesce possiede una sorta di cresta triangolare e dei filamenti al di sotto degli occhi poco visibili agli occhi dei meno esperti. La bocca (detta proboscide) termina con una sorta di tubo caratteristico di tutti i signatidi. Il corpo presenta da 11 a 12 anelli ossei sul tronco e 3/5 sulla coda. La coda prensile serve come già detto ad attaccarsi ad un oggetto o ad afferrare il partner al momento dell’accoppiamento. Il colore del cavalluccio marino cambia in base all’ambiente dove vive. Alcuni cavallucci marini della specie Hippocampus hippocampus sono neri o verdi altri bruni con tonalità tendenti al rosso o al giallo.

Il maschio protegge le uova e partorisce i piccoli.

La grande particolarità dell’ippocampo sta nella sua straordinaria capacità di riproduzione. In questa specie infatti è il maschio a far sviluppare nel proprio ventre le uova dei nascituri. Durante il periodo estivo i maschi di cavalluccio marino entrano in contatto con le femmine corteggiandole con un rituale che può’ durare delle ore. Maschio e femmina entrano in contatto e cominciano una sorta di danza legati per la loro coda prensile.

La riproduzione del cavalluccio marini

La femmina del cavalluccio marino trasferisce le uova nella sacca marsupiale del maschio che le feconda e incuberà le uova per un periodo variabile da 10 a 45 giorni. Questo tipo di riproduzione è propria dei signatidi tra cui anche il pesce ago ed il pesce pipa.

La femmina rimane sempre a fianco del maschio, infatti è una delle poche specie monogame del mondo animale. La coppia rimane legata a vita riproducendosi anche più’ volte l’anno. Il parto avviene solitamente di notte con il maschio che emette gli avannotti all’esterno della sacca marsupiale. I piccoli grandi non piu’ di 16mm sono già pronti a cominciare la loro vita lontano dai genitori. Già alla fine del primo anno di età i piccoli sono maturi e possono andare alla ricerca del partner a cui rimarranno fedeli a vita. L’ippocampo, data questa sua caratteristica riproduttiva è considerato come una specie pseudo-vivipara.

Specie simili: Il cavalluccio camuso

Il-cavalluccio-camuso Il cavalluccio marino o ippocampo

Il cavalluccio camuso appartenete alla specie Hippocampus guttulatus presenta una proboscide ben più lunga del cavalluccio marino, presenta delle escrescenze epidermiche sul corpo e la pinna dorsale ha da 19 raggi in più dell’ippocampo. Difficilmente distinguibili da giovani cavalluccio marino e cavalluccio camuso.

L’alimentazione del cavalluccio marino

Si nutre di zooplancton in particolare di piccoli larve di crostacei e di uova di pesce. Cercano il cibo sotto la sabbia dove con la proboscide aspirano le piccole prede. Dopo aver aspirato il sedimento sputano fuori le particelle non commestibili.

Un pesce difficile da “scovare”

Grazie al mimetismo il cavalluccio marino riesce a fondersi con l’ambiente che lo circonda rimanendo invisibile ai predatori. Grazie alle cellule cromofore il cavalluccio marino cambia rapidamente colore per scomparire del tutto agli occhi dei predatori.

Una specie in pericolo

Il cavalluccio marino è in pericolo. Per saperne di più sul business mondiale che gira attorno a questa specie di signatidi ti consiglio di leggere questo articolo. Il business dei cavallucci marini

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui