Come scegliere e applicare l’antifouling (antivegetativa ) alla barca

Il Giornale dei MARINAI Nautica e barche, NewsCome scegliere e applicare l’antifouling (antivegetativa ) alla barca
4.7
(3)

Il fouling non è nient’altro che l’insieme di organismi animali e vegetali che si sviluppano sull’opera viva della barca, ovvero la parte che sta immersa in acqua della vostra barca.

Alghe, molluschi e piccoli crostacei possono cosi popolare la chiglia della vostra barca provocando un consumo di carburante elevato e ridurre la velocità di navigazione. Per questo motivo in passato sono state studiate appositamente delle vernici antifouiling o vernici antivegetative, delle vernici in gradi di inibire la proliferazione di organismi sulla chiglia della parte immersa delle imbarcazione.

Antifouling ed ambiente

In passato le vernici antivegetative erano composte da biocidi a base di TBT ovvero tributilstagno. Questo composto chimico, da quanto emerso da diversi studi ha provocava l’inversione del sesso in alcune specie di molluschi gasteropodi che vivevano nei porti. Questi organismi a causa delle vernici antifouling da femmine diventavano maschi e pian piano le popolazioni hanno subito una regressione. Per tale motivo le vernici antifouling a base di TBT oggi sono vietate.

Come scegliere la vernice antivegetativa

La scelta della vernice anti fouling dipende da diversi fattori tra cui il tipo di barca, la zona di navigazione (ad esempio se in mare o in lago) se la barca in inverno viene tirata a secco.

La vernice antivegentativa a matrice dura o autolevigante ?

La scelta delle vernici anti fouling ricade essenzialmente su due tipi di anti vegetativa. Le vernici auto leviganti e le vernici a matrice dura.  Le autoleviganti in pratica funzionano con effetto dell’acqua. In navigazione infatti il contatto con l’acqua erode pian piano un sottile strato di vernice portando con se anche gli organismi sessili che stavano popolando la chiglia. Questo avviene grazie all’attrito con l’acqua. Questa vernice è ottima per grandi imbarcazioni, barche a vela o gozzi in legno mentre invece è sconsigliata ad imbarcazioni rapide. Questo tipo di vernice è comunque resistente e dura almeno tutta la stagione nautica. Il pregio di questa antivegetativa è che una volta a secco si pulisce rapidamente con un idropulitrice ad alta pressione. Per le vernici autoleviganti è sconsigliato passare diverse mani di pittura per evitare che l’effetto meccanico dell’acqua sulla chiglia possa rapidamente eliminare lo strato di vernice. Il vantaggio di questa vernice antifouling è che la carena rimane intatta anche dopo anni di utilizzo di questa vernice.

La vernice antivegetativa a matrice dura invece agiscono grazie ad un composto chimico, oggi a norma di legge che non permette al biofouling di attaccarsi sulla carena della barca. Queste vernici sono molto piu’ resistenti e si utilizzano per imbarcazioni rapide. Ideali per barche che vengono spostate con carrello piu’ volte all’anno, queste vernici non si rovinano con i rulli del carrello. I vantaggi delle vernici a matrice dura sono sicuramente i costi e la durata. Molto meno care delle vernici antifouling auto leviganti .

L’ANTIVEGETATIVA A MATRICE DURA PER IL MEDITERRANEO

Le vernici antifouling per le barche in alluminio

Per le barche in alluminio bisogna prima di passare l’antivegetativa passare un primer dato che i componenti chimici possono intaccare l’alluminio della barca. Per queste barche bisogna una vernice specifica.

Come applicare la vernice antifouling

La preparazione della superficie è molto importante infatti è la parte piu’ impegnativa di tutto il lavoro. Anche se puo’ sembrare lungo e fastidioso è una tappa importante che aumenterà la tenuta dell’antifouling nel tempo.

Cosa serve per passare l’antifouling alla barca

Il primer è necessario soprattutto se si tratta della prima applicazione. In caso di applicazioni successive potete passare l’antivegetiva sulla vecchia che funziona da primer. Per far questo bisogna levigare bene gli stati in eccesso. Per questo processo potete usare una levigatrice con carta vetrata da 80. Prima di levigare per eliminare la vernice in eccesso è consigliabile utilizzare un raschietto o una spatola per far saltare le croste di vernice.

A spruzzo o a rullo ?

Utilizzate un rullo a peli corti per il passaggio dell’antivegetativa.

Come procedere

Una volta che la barca è sul carrello cominciate con il lavaggio con idro pulitrice. Cercate di far saltare i crostoni di vernice secca per bene passando nelle parti nascoste. Una volta che avete lavato la barca lasciatela asciugare e levigate la vecchia antivegetativa con carta vetrata da 80 a mano o con levigatrici elettriche. Riparate con stucco epossidico possibili buchi ed imperfezioni. Cercate di essere piu’ precisi possibile, in questo caso una superficie liscia e senza imperfezioni darà alla barca una fluidità maggiore e quindi maggiore velocità e minori consumi.

A questo punto rilavate lo scafo e pulite bene la polvere rimasta con un solvente come ad esempio all’acetone.

Utilizzate un rotolo di scotch di carta largo (5cm) per delineare l’opera viva da dipingere. Il consiglio è di aumentare la superficie da pitturare di almeno 10 cm cosi in caso di barca sovraccarica anche la parte che normalmente rimane fuori dall’acqua sarà protetta.

Cercate di coprire anche anodi, sonda dell’ecoscandaglio e tutte le parti non interessate.

Applicate in seguito la prima mano di anti vegetativa. Ogni prodotto ha un tempo di asciugatura differente. Ogni prodotto riporta il tempo di asciugatura nella latta.

Dopo aver atteso il tempo di necessario affinché la vernice anti fouling sia asciutta procedete alla seconda mano. Una volta il lavoro finito e la barca pronta potete eliminare lo scotch. La barca è pronta per una nuova stagione.

L’ANTIVEGETATIVA AUTOLEVIGANTE

Come scelgo il colore ?

Esistono diversi colori per la vernice antivegetativa. In generale sono i pescatori che tendono a scegliere colori scuri per mimetizzare il fondo della barca con il mare. Per questo motivo se siete pescatori incalliti utilizzate delle vernici scure. Se invece la pesca non vi interessa potete scegliere il colore in base all’estetica della vostra barca.

Quantità di vernice antifouling per imbarcazione

  • Imbarcazione di 4 metri: 2 litri
  • Imbarcazione di 5 metri: 2,5 litri
  • Imbarcazione di 6 metri : 3 litri
  • Imbarcazione di 7 metri : 3.5 litri
  • Imbarcazione di 8 metri : 5 litri
  • Imbarcazione di 9 metri : 6 litri
  • Imbarcazione di 10 metri : 7.5 litri
  • Imbarcazione di 11 metri : 9 litri
  • Imbarcazione di 12 metri : 10.5 litri

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.7 / 5. Conteggio voti: 3

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal