Scafandri e palombari

Il Giornale dei MARINAI Subacquea, immersioni,diving, fotografia subacquea.Scafandri e palombari
0
(0)

L’immersione subacquea nacque con l’invenzione dello scafandro nel 1775. Ma anche Leonardo da Vinci aveva preparato un progetto (mai realizzato) per inviare l’uomo sott’acqua.

A dare i natali alla subacquea fu l’abate francese Jean-Baptiste de La Chapelle, il quale dopo aver osservato tanti avventurosi tentativi, riusci a perfezionare lo scafandro. Con questa nuova invenzione l’uomo apri’ le porte all’esplorazione subacquea.

I primi progetti furono essenzialmente militari. Si cercava di trovare una soluzione per avvicinare il nemico ed in qualche maniera abbatterlo prendendolo di sorpresa. Ma la complessità del sistema che prevedeva un operatore calato in acqua ed una squadra di superficie che doveva permettere un costante rifornimento d’aria tramite delle pompe porto’ all’ abbandono del progetto.

La struttura di uno scafandro

Costituito da una tuta (oggi impermeabile) e da un casco chiamato anche elmo da palombaro. Il casco non permette l’entrata dell’acqua al suo interno invece ha un ingresso da dove viene pompata aria respirabile. Dagli anni 50, dopo l’invenzione dell’ aqualung da parte di Jacques Cousteau, lo scafandro e’ stato man mano abbandonato ed oggi viene utilizzato soltanto raramente.

Charles e John Deane e il perfezionamento della macchina subacquea

Furono due fratelli inglesi a perfezionare l’invenzione dell’abate francese Jean-Baptiste de La Chapelle. A londra infatti, presso l’ufficio patenti, fu depositato nel novembre del 1823, il brevetto di una strumentazione che permetteva di poter entrare in ambienti dove l’aria non era respirabile grazie ad un casco dal nome di “Smoke Helmet”, ovvero casco anti fumo. Il primo scafandro brevettato, dunque non era nato per andare sott’acqua ma bensì’ per aiutare i pompieri ad addentrarsi in ambienti saturi di gas e fumi. ma, da li a ben poco, lo Smoke Helmet si trasformo’. Tra il 1825 ed il 1830, i fratelli Deane aiutati da Augustus Siebe, apportarono delle migliorie all’apparecchiatura, tra cui una sorta di guarnizione in gomma posizionata sulla base del casco. Grazie anche all’aiuto di Charles MacIntosh, il quale lavoro con il gruppo per circa una decina di anni, lo scafandro era in grado di funzionare perfettamente senza alcun problema di erogazione di aria. Nel 1940, le pompe erano state riprogettate e grazie ad alcuni suggerimenti dati dal Comandante del porto di Lowestoft, George Edward, i fratelli Deane cominciarono a prevedere un futuro per lo scafandro sott’acqua. Nel 1845, dopo che il brevetto era già scaduto, Augustus Siebe senza consultare i fratelli Deane, comincio’ la commercializzazione dello scafandro trovando come primo acquirente l’ammiragliato inglese che sfrutto la rivoluzionaria apparecchiatura per smantellare alcuni vecchi vascelli da guerra. Fu un successo per la nuova apparecchiatura. Da quel momento lo scafandro entro’ in produzione, e per circa 200 anni fu una rivoluzione al servizio della marina militare, della pesca e del mondo della nautica commerciale. Nel 1849 venne istituita la Scuola palombari a Genova.

Lo scafandro da pesca

Oggi con il termine scafandro viene indicato anche lo scafandro da pesca ovvero una salopette in neoprene o pvc che permette al pescatore di poter entrare in acqua sino al petto per poter recuperare la preda in acqua senza bagnarsi. Totalmente differente dallo scafandro da palombaro che permette di immergersi totalmente sott’acqua, lo scafandro da pesca è si stagno ma non permette al pescatore di andare sott’acqua ne di immergersi completamente.

Uno scafandro del 1700 presso il museo di RAAHE in Svezia
scafandro piu antico del mondo

Presso il museo di RAAHE si trova uno scafandro donato al museo dal capitano Johan Leufstadius. Secondo Leufstadius lo scafandro fu realizzato nel 1700 in Finlandia. Lo scafandro, totalmente in pelle di vitello pero’ sembra un progetto troppo futuristico per quei tempi motivo la cui veridicità  non e’ mai stata confermata.

progetti di scafandro

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal