Home Subacquea Scafandri e palombari

Scafandri e palombari

0
1583
scafandro

L’immersione subacquea nacque con l’invenzione dello scafandro nel 1775. Ma anche Leonardo da Vinci aveva preparato un progetto (mai realizzato) per inviare l’uomo sott’acqua.

A dare i natali alla subacquea fu l’abate francese Jean-Baptiste de La Chapelle, il quale dopo aver osservato tanti avventurosi tentativi, riusci a perfezionare lo scafandro. Con questa nuova invenzione l’uomo apri’ le porte all’esplorazione subacquea.

I primi progetti furono essenzialmente militari. Si cercava di trovare una soluzione per avvicinare il nemico ed in qualche maniera abbatterlo prendendolo di sorpresa. Ma la complessità del sistema che prevedeva un operatore calato in acqua ed una squadra di superficie che doveva permettere un costante rifornimento d’aria tramite delle pompe porto’ all’ abbandono del progetto.

La struttura di uno scafandro

scafandro-755x500 Scafandri e palombariCostituito da una tuta (oggi impermeabile) e da un casco chiamato anche elmo da palombaro. Il casco n on permette l’entrata dell’acqua al suo interno invece ha un ingresso da dove viene pompata aria respirabile. Dagli anni 50, dopo l’invenzione dell’ aqualung da parte di Jacques Cousteau, lo scafandro e’ stato man mano abbandonato ed oggi viene utilizzato soltanto raramente.

Charles e John Deane e il perfezionamento della macchina subacquea

scafandro-2-375x500 Scafandri e palombari
Un palombaro in immersione

Furno due fratelli inglesi a perfezionare l’invenzione dell’abate francese Jean-Baptiste de La Chapelle. A londra infatti, presso l’ufficio patenti, fu depositato nel novembre del 1823, il brevetto di una strumentazione che permetteva di poter entrare in ambienti dove l’aria non era respirabile grazie ad un casco dal nome di “Smoke Helmet”, ovvero casco anti fumo. Il primo scafandro brevettato, dunque none ra nato per andare sott’acqua ma bensi’ per aiutare i pompieri ad addentrarsi in ambienti saturi di gas e fumi. ma, da li a ben poco, lo Smoke Helmet si trasformo’. Tra il 1825 ed il 1830, i fratelli Deane aiutati da Augustus Siebe, apportarono delle migliorie all’apparecchiatura, tra cui una sorta di guarnizione in gomma posizionata sulla base del casco. Grazie anche all’aiuto di Charles MacIntosh, il quale lavoro con il gruppo per circa una decina di anni, lo scafandro era in grado di funzionare perfettamente senza alcun problema di erogazione di aria. Nel 1940, le pompe erano state riprogettate e grazie ad alcuni suggerimenti dati dal Comandante del porto di Lowestoft, George Edward, i fratelli Deane cominciarono a prevedere un futuro per lo scafandro sott’acqua. Nel 1845, dopo che il brevetto era già scaduto, Augustus Siebe senza consultare i fratelli Deane, comincio’ la commercializzazione dello scafandro trovando come primo acquirente l’ammiragliato inglese che sfrutto la rivoluzionaria apparecchiatura per smantellare alcuni vecchi vascelli da guerra. Fu un successo per la nuova apparecchiatura. Da quel momento lo scafandro entro’ in produzione, e per circa 200 anni fu una rivoluzione al servizio della marina militare, della pesca e del mondo della nautica commerciale. Nel 1849 venne istituita la Scuola palombari a Genova.

Lo scafandro da pesca

Oggi con il termine scafandro viene indicato anche lo scafandro da pesca ovvero una salopette in neoprene o pvc che permette al pescatore di poter entrare in acqua sino al petto per poter recuperare la preda in acqua senza bagnarsi. Totalmente differente dallo scafandro da palombaro che permette di immergersi totalmente sott’acqua, lo scafandro da pesca è si stagno ma non permette al pescatore di andare sott’acqua ne di immergersi completamente.

Uno scafandro del 1700 presso il museo di RAAHE in Svezia

lo-scafandro-piu-antico-del-mondo Scafandri e palombariPresso il museo di RAAHE si trova uno scafandro donato al museo dal capitano Johan Leufstadius. Secondo Leufstadius lo scafandro fu realizzato nel 1700 in Finlandia. Lo scafandro, totalmente in pelle di vitello pero’ sembra un progetto troppo futuristico per quei tempi motivo la cui veridicità  non e’ mai stata confermata.

progetti-scafandro-767x500 Scafandri e palombari




Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Articolo precedenteSalmone: quando BIO non vuol salute
Articolo successivoSegnalata presenza di Callinectes sapidus tra le acque di Selinunte (Tp)
Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui