Itinerari subacquei Lampedusa


0
(0)

Le migliori e piu’ interessanti immersioni dell’isola di Lampedusa, il paradiso dei subacquei del Mediterraneo

 

CAPO GRECALE   

Coordinate: 35.516404, 12.634256

Brevetto richiesto: II

Tipo fondale: Franata

Profondità massima: 38/42 metri

Sicuramente il punto di maggior valore per la subacquea di Lampedusa è Capo grecale. Immergendosi sotto il faro che sovrasta la falesia a NE dell’isola andiamo incontro ad una ripida parete che degenera in una franata di massi ricchi di spugne incrostanti. Tantissime sono le Castagnole che vivono quel tratto di mare coabitando con saraghi e tanute. Non mancano le grosse cernie che vivono negli anfratti nascosti. Dalla franata si giunge su di un fondale sabbioso, si notano subito dei grossi massi dove è possibile divertirsi con la macrofotografia.

 


 

PUNTA ALAIMO    

Coordinate: 35.524455,12.607635

Brevetto richiesto: II

Tipo fondale: Roccioso

Profondità massima: 45/50 metri

Un po’ più a Nord di Capo Grecale c’è Punta Alaimo. Spesso frequentata da grossi pelagici come ricciole e tonni, questa immersione può divenire particolarmente complessa in quanto si scende sino ai 45/50 metri e spesso senza neanche accorgersene. Ricco di specie bentoniche il substrato ospita anche tutti quei pesci che si nutrono di microinvertebrati. Ma è anche possibile incontrare scari, tanute, e saraghi. Con un po’ di fortuna da li si possono osservare anche leccie stella di considerevoli dimensioni.


 

 PUNTA CAPPELLONE

saraghi a punta cappellone

Coordinate: 35.525241,12.569554

Brevetto richiesto: II

Tipo fondale: Roccioso

Profondità massima:  38 metri

Punta Cappellone : Scendendo verso il fondo sono gli astroides a mozzare il fiato. Scendendo dopo i 25 metri comincia una franata, con grossi massi depositati sul fondale, anche qui non mancano le cernie, i labridi qua raggiungono grosse dimensioni, e sono tante le specie di saraghi che si possono incontrare. Osservando tra gli anfratti si scorgono gamberi del genere stenopus.


 

ISOLA DEI CONIGLI       

Coordinate: 35.510832,12.559129

Brevetto richiesto: I

Tipo fondale: Roccioso misto a sabbia

Profondità massima: 18/20 metri

A poche centinaia di metri dalla celebre spiaggia dei conigli ci si può tuffare in un’immersione dai risvolti mistici. Tra castagnole e donzelle coloratissime vi è anche una statua raffigurante la “Madonna del mare”, ex voto di Roberto Merlo dopo aver rischiato la vita per un’embolia. In bronzo marino la statua, dello scultore padovano Giorgia Crosta, fuso a cera persa nell’antica fonderia di Treviso è sempre visitato da subaquei. La statua, benedetta da Papa Woytila nel 1979, è stata immersa nel 1980.


 

 

SECCA DI LEVANTE        

Coordinate: 35.493276,12.634013

Brevetto richiesto: Esperto

Tipo fondale: Roccia,

Profondità massima: 50 metri

E’ considerata una delle immersioni obbligatorie nel libretto d’immersioni di un sub navigato. Questa grandissima secca, situata a dodici miglia a SE di Punta Sottile è tuttavia da affrontarsi con molta cautela. E’ un immersione che sconsigliamo agli inesperti. E’ una grandissima secca, situata a dodici miglia a SE di Punta Sottile, un immersione tanto particolare quanto difficoltosa. Il sommo della secca arriva solo a quindici metri di profondità. Una forte corrente batte la secca quasi perennemente. Però una volta sul fondo si ha la possibilità di fare straordinari incontri come aragoste, cernie e corvine, dentici e una vita bentonica davvero multicolore.

 

 

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche