Il protocollo di Kyoto

Il Giornale dei MARINAI NewsIl protocollo di Kyoto
5
(1)

Il Protocollo di Kyoto è stato adottato alla terza Conferenza delle Parti (COP 3) l’11 dicembre 1997 a Kyoto, in Giappone. Il Protocollo di Kyoto è un accordo nell’ambito della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) e l’obiettivo è quello di raggiungere “la stabilizzazione delle concentrazioni di gas serra nell’atmosfera a un livello tale da prevenire pericolose interferenze antropiche con il sistema climatico“. In sostanza ridurre le emissioni di gas serra che causano il riscaldamento globale.

Il Protocollo di Kyoto e il suo regolamento

Il Protocollo di Kyoto del 1997 condivide l’obiettivo, i principi e le istituzioni della Convenzione, ma rafforza significativamente la Convenzione impegnando le Parti dell’Allegato I a obiettivi individuali e giuridicamente vincolanti per limitare o ridurre le loro emissioni di gas serra. Solo le Parti della Convenzione che sono diventate anche Parti del Protocollo (vale a dire ratificando, accettando, approvando o aderendo allo stesso) sono vincolate dagli impegni del Protocollo.

Ad oggi 171 paesi hanno ratificato il Protocollo. Di questi, 35 paesi e la CEE sono tenuti a ridurre le emissioni di gas serra al di sotto dei livelli specificati per ciascuno di essi nel trattato. I singoli obiettivi per le parti dell’allegato I sono elencati nell’allegato B del protocollo di Kyoto. Questi si sommano a un taglio totale delle emissioni di gas serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo di impegno 2008-2012. Dopo due anni e mezzo di intensi negoziati, il Protocollo di Kyoto è stato adottato alla COP 3 di Kyoto, in Giappone, l’11 dicembre 1997.

Sebbene 84 paesi abbiano firmato il Protocollo, indicando che intendevano ratificarlo, molti erano riluttanti a farlo effettivamente e a farlo entrare in vigore prima di avere un quadro più chiaro del regolamento del trattato. È stato avviato un nuovo ciclo di negoziati, culminato alla COP 7 con l’adozione degli Accordi di Marrakech, che stabiliscono regole dettagliate per l’attuazione del Protocollo di Kyoto, gli Accordi di Marrakech hanno compiuto notevoli progressi per quanto riguarda l’attuazione della Convenzione.

Obiettivi di emissione previsti dal Protocollo di Kyoto

Paesi inclusi nell’Allegato B del Protocollo di Kyoto e relativi obiettivi di emissione Paese Target (1990** – 2008/2012):

UE-15

Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Monaco, Romania, Slovacchia, Slovenia, Svizzera -8%

USA*** -7%

Canada, Ungheria, Giappone, Polonia -6%

Croazia -5%

Nuova Zelanda, Federazione Russa, Ucraina 0

Norvegia +1%

Australia +8%

Islanda +10%

I 15 Stati membri dell’UE ridistribuiranno tra loro i propri obiettivi, avvalendosi di uno schema previsto dal Protocollo noto come “bolla”. L’UE ha già raggiunto un accordo su come saranno ridistribuiti i suoi obiettivi.** Alcuni EIT hanno una linea di base diversa dal 1990. Gli USA hanno manifestato l’intenzione di non ratificare il Protocollo di Kyoto.

Nota : – Sebbene siano elencate nell’Allegato I della Convenzione, Bielorussia e Turchia non sono incluse nell’Allegato B del Protocollo in quanto non erano Parti della Convenzione quando il Protocollo è stato adottato. – All’entrata in vigore, il Kazakistan, che ha dichiarato di voler essere vincolato dagli impegni delle parti dell’allegato I ai sensi della Convenzione, diventerà una parte dell’allegato I ai sensi del protocollo. Poiché non aveva fatto questa dichiarazione quando è stato adottato il protocollo, il Kazakistan non ha un obiettivo di emissione elencato nell’allegato B.

I 6 principali gas serra coperti dagli obiettivi:

  • Anidride carbonica (CO 2 );
  • Metano (CH 4 );
  • Protossido di azoto (N 2 O);
  • Idrofluorocarburi (HFC);
  • Perfluorocarburi (PFC); e
  • Esafluoruro di zolfo (SF 6 )

La quantità massima di emissioni (misurata come l’equivalente in anidride carbonica) che una Parte può emettere durante il periodo di impegno al fine di rispettare il proprio obiettivo di emissione è nota come quantità assegnata di una Parte.

Implementazione

Il Protocollo contiene disposizioni per la revisione dei suoi impegni, in modo che questi possano essere rafforzati nel tempo. I negoziati sugli obiettivi per il secondo periodo di impegno dovrebbero iniziare nel 2005, quando le parti dell’allegato I devono aver compiuto “progressi dimostrabili” nel rispettare i loro impegni ai sensi del protocollo. L’intero Protocollo sarà riesaminato in occasione della seconda sessione della COP, che fungerà da “riunione delle Parti” del Protocollo (la cosiddetta COP/MOP), dopo l’entrata in vigore del Protocollo. Per raggiungere i loro obiettivi, le parti dell’allegato I devono mettere in atto politiche e misure nazionali. Il Protocollo fornisce un elenco indicativo di politiche e misure che potrebbero aiutare a mitigare i cambiamenti climatici e promuovere lo sviluppo sostenibile.

Le parti possono compensare le proprie emissioni aumentando la quantità di gas serra rimossi dall’atmosfera dai cosiddetti “pozzi di assorbimento del carbonio” nel settore dell’uso del suolo, del cambiamento di uso del suolo e della silvicoltura (LULUCF). Tuttavia, solo alcune attività sono ammissibili. Si tratta di imboschimento, rimboschimento e deforestazione (definiti ammissibili dal Protocollo di Kyoto) e gestione forestale, gestione dei terreni coltivati, gestione dei pascoli e rivegetazione (aggiunti all’elenco delle attività ammissibili dagli accordi di Marrakech).

I gas serra rimossi dall’atmosfera attraverso attività di pozzo ammissibili generano crediti noti come unità di rimozione (RMU). Eventuali emissioni di gas serra derivanti da attività ammissibili, a loro volta, devono essere compensate da maggiori tagli o rimozioni delle emissioni altrove.

Ulteriori norme dettagliate disciplinano la misura in cui le emissioni e gli assorbimenti del settore LULUCF possono essere contabilizzati ai sensi del protocollo. L’importo del credito che può essere richiesto attraverso la gestione forestale, ad esempio, è soggetto a un limite individuale per ciascuna parte, che è elencato negli accordi di Marrakech .

Meccanismi economici e di mercato per raggiungere gli obiettivi

Il protocollo stabilisce anche tre meccanismi economici e di mercato innovativi, che sono l’attuazione congiunta, il meccanismo di sviluppo pulito e lo scambio di emissioni. Questi sono progettati per aiutare le parti dell’allegato I a ridurre i costi per raggiungere i loro obiettivi di emissione sfruttando le opportunità per ridurre le emissioni o aumentare le rimozioni di gas serra, che costano meno in altri paesi che a casa.

Qualsiasi parte dell’allegato I che ha ratificato il protocollo può utilizzare i meccanismi per contribuire a raggiungere il suo obiettivo di emissioni, a condizione che rispetti i suoi obblighi metodologici e di comunicazione ai sensi del protocollo. Le parti devono fornire la prova che il loro uso dei meccanismi è “supplementare all’azione interna”, che deve costituire “un elemento significativo” dei loro sforzi per rispettare i loro impegni. Possono partecipare ai meccanismi, sotto la responsabilità dei rispettivi governi , imprese, ONG ambientali e altre “entità legali”.

Attuazione congiunta

Nell’ambito dell’attuazione congiunta, una parte dell’allegato I può attuare un progetto che riduce le emissioni (ad esempio un programma di efficienza energetica) o aumenta l’assorbimento mediante pozzi (ad esempio un progetto di riforestazione) nel territorio di un’altra parte dell’allegato I e contare le unità di riduzione delle emissioni risultanti ( ERU) contro il proprio obiettivo. Sebbene il termine “attuazione congiunta” non appaia nell’articolo 6 del protocollo in cui è definito questo meccanismo, è spesso usato come comoda abbreviazione. In pratica, è più probabile che i progetti di attuazione congiunta abbiano luogo negli EIT, dove tende ad esserci più spazio per ridurre le emissioni a basso costo.

La COP/MOP istituirà un comitato di vigilanza ai sensi dell’articolo 6 quando si riunirà per la prima volta. Questo comitato supervisionerà una procedura di verifica per i progetti di attuazione congiunta ospitati dalle Parti che non soddisfano tutti i requisiti di ammissibilità relativi agli obblighi metodologici e di rendicontazione del Protocollo.

Meccanismo di sviluppo pulito

Nell’ambito del meccanismo di sviluppo pulito (CDM), le parti dell’allegato I possono implementare progetti in parti non incluse nell’allegato I che riducono le emissioni e utilizzano le conseguenti riduzioni delle emissioni certificate (CER) per contribuire a raggiungere i propri obiettivi. Il CDM mira inoltre ad aiutare le parti non incluse nell’allegato I a raggiungere lo sviluppo sostenibile e contribuire all’obiettivo finale della Convenzione.

Il regolamento per il CDM stabilito negli accordi di Marrakesh si concentra su progetti che riducono le emissioni. Organizzazioni indipendenti accreditate, note come entità operative, svolgeranno un ruolo importante nel ciclo del progetto CDM, inclusa la convalida dei progetti proposti e la certificazione delle riduzioni e delle rimozioni delle emissioni. Un contributo da ogni progetto CDM – noto come “quota dei proventi” – aiuterà a finanziare le attività di adattamento nei paesi in via di sviluppo particolarmente vulnerabili ea coprire le spese amministrative. Il Protocollo prevede un tempestivo avvio del CDM, consentendo la maturazione di CER da progetti a partire dall’anno 2000. Questo avvio tempestivo è stato messo in atto alla COP 7, con l’istituzione del comitato esecutivo del CDM.

Commercio di emissioni

Nell’ambito dello scambio di emissioni, una parte dell’allegato I può trasferire parte delle emissioni sotto la sua quantità assegnata, nota come unità di quantità assegnata (AAU), a un’altra parte dell’allegato I che trova relativamente più difficile raggiungere il suo obiettivo di emissioni. Allo stesso modo può trasferire CER, ERU o RMU che ha acquisito attraverso il CDM, attività di attuazione congiunta o di sink. Al fine di affrontare la preoccupazione che alcuni paesi possano “vendere in eccesso” e quindi non essere in grado di raggiungere i propri obiettivi, il regolamento del protocollo richiede alle parti dell’allegato I di mantenere un livello minimo di AAU, CER, ERU e/o RMU in un impegno riserva di periodo non negoziabile.

Raggiungere gli obiettivi di emissione

Il Protocollo rispecchia la Convenzione nel riconoscere le esigenze e le preoccupazioni specifiche dei paesi in via di sviluppo, in particolare dei più vulnerabili. Le parti dell’allegato I devono fornire informazioni su come si stanno sforzando di raggiungere i propri obiettivi di emissione riducendo al minimo gli impatti negativi sui paesi in via di sviluppo. Gli accordi di Marrakesh elencano una serie di misure a cui i paesi industrializzati dovrebbero dare la priorità per ridurre tali impatti, come la rimozione dei sussidi associati a tecnologie non rispettose dell’ambiente e lo sviluppo tecnologico degli usi non energetici dei combustibili fossili.

Con gli Accordi di Marrakech è stato inoltre istituito un nuovo fondo di adattamento per gestire i fondi raccolti dalla tassa di adattamento sul CDM, nonché i contributi di altre fonti. Il fondo sarà amministrato dal GEF, in quanto soggetto operativo del meccanismo finanziario della Convenzione e del Protocollo di Kyoto.

Le parti dell’allegato I presenteranno inventari annuali delle emissioni e comunicazioni nazionali regolari ai sensi del protocollo, entrambi soggetti a revisione approfondita da parte di gruppi di esperti. I team di esperti di revisione hanno il mandato di evidenziare potenziali problemi di conformità – noti come domande di implementazione – che trovano e di riferirli al Comitato per la conformità se le parti non riescono a risolverli. Le parti devono inoltre istituire e mantenere un registro nazionale per tenere traccia e registrare le transazioni nell’ambito dei meccanismi.

Come ulteriore strumento di monitoraggio, il segretariato manterrà un registro delle transazioni indipendente per garantire che vengano mantenuti registri accurati. Pubblicherà inoltre una compilazione annuale e una relazione contabile delle emissioni di ciascuna Parte e delle sue transazioni nel corso dell’anno. Tutte le informazioni, ad eccezione di quelle designate come riservate, saranno messe a disposizione del pubblico.

Il sistema di compliance del Protocollo, concordato nell’ambito degli Accordi di Marrakech , dà forza ai suoi impegni. Si compone di un Comitato per la Conformità, composto da una plenaria, un ufficio e due rami: un ramo facilitatore e un ramo di applicazione. Come suggeriscono i loro nomi, il ramo facilitativo mira a fornire consulenza e assistenza alle Parti, compreso l’avvertimento tempestivo che una Parte potrebbe essere in pericolo di non rispettare, laddove il ramo dell’applicazione ha il potere di applicare determinate conseguenze alle Parti che non rispettano i loro impegni.

Se una Parte non raggiunge il suo obiettivo di emissioni, deve compensare la differenza nel secondo periodo di impegno, più una penale del 30%. Deve anche sviluppare un piano d’azione per la conformità e la sua idoneità alla vendita nell’ambito dello scambio di emissioni sarà sospesa.

Il regolamento del protocollo stabilisce procedure dettagliate per considerare i casi di potenziale non conformità, insieme a una procedura accelerata per la revisione dei casi relativi all’idoneità a partecipare ai meccanismi.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 5 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Iscriviti alla newsletter del GDM

 

Loading
Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

siluro giallo Curiosità : Uomo pesca un siluro di colore giallo in Olanda
3.7 (6) Eccezionale cattura per un pescatore olandese che ha portato fuori dall’acqua un pesce
Primo avvistamento di squalo balena in Mediterraneo
4 (45) Una notizia che sprima o poi sarebbe arrivata, uno squalo balena è entrato
spada israele cavalieri crociate templari Un subacqueo israeliano trova una spada appartenuta ad un crociato
3.6 (8) Un subacqueo israeliano ha scoperto una spada ancora intatta appartenuta a un cavaliere
Abusi nel campo della miticoltura: scattata all’alba l’operazione “Oro di Taranto”.
4 (18) Continua, senza sosta, l’attività della Guardia costiera di Taranto, delle Autorità locali e
plancton Il cambiamento climatico influenzerà negativamente le comunità planctoniche
5 (1) Le simulazioni suggeriscono che le interazioni tra le comunità di plancton (la miriade
Studio: 3.760 tonnellate di plastica ricoprono il Mar Mediterraneo
3.8 (4) Circa 3.760 tonnellate di plastica galleggiano attualmente sulla superficie del Mar Mediterraneo, una