La cicala di mare o pannocchia

Il Giornale dei MARINAI I crostacei, Organismi mariniLa cicala di mare o pannocchia
4.2
(6)

La cicala di mare conosciuta anche come pannocchia o canocchia, e corbola è una specie che vive su fondi sabbiosi o fangosi a profondità compresa tra 20 e 200 m, ma più comune a profondità minori di 50 m.

Squilla mantis, nome scientifico della cicala di mare, è solitaria e  vive durante il giorno in gallerie scavate nel fondo, da cui esce, la notte per andare alla ricerca di cibo o per riprodursi.

La cicala di mare ha sessi separati. La riproduzione avviene nel periodo primaverile. La fecondazione è interna. I maschi fecondano le femmine introducendo nel corpo i gameti (sperma) mediante arti modificati in strutture filamentose . Alla dimensione di 10 cm le gonadi cominciano a maturare sessualmente. Nelle femmine, la maturazione delle uova è riconoscibile dall’esterno, dall’ingrossamento delle gonadi (uova) chiaramente visibile sul dorso in trasparenza. Dopo la schiusa delle uova, le larve conducono breve vita pelagica per poi mutare e prendere contatto con il fondo.

descrizione della cicala pannocchiaL’alimentazione della cicala di mare

Crostaceo carnivoro, che si nutre principalmente di prede catturate durante le ore notturne.

Dimensioni con corpo allungato, depresso e con evidenti creste mediane longitudinali lungo il torace e l’addome. La testa, ricoperta da un robusta corazza (carapace) arrotondata agli angoli, è provvista di due paia di antenne e di altre due appendici mobili, su cui sono collocati gli occhi, a forma di rene. Ai lati della testa, sono presenti due pseudochele costituite ciascuna da un articolo mobile esterno munito di 6 spine e di una parte interna con presenza di piccoli denticoli. Il torace è costituito da cinque segmenti liberi, mentre l’addome da sei, con l’ultimo che termina con una sorta di coda (telson). Sono presenti numerose appendici, di cui alcune costituiscono arti per camminare (pereiopodi). I segmenti addominali sono caratterizzati da due creste centrali spinose, in particolare nell’ultimo segmento addominale in cui le spine posteriori sono più pronunciate. La parte terminale dell’addome (telson) è munita di dentelli e di due grosse macchie centrali violacee, circondate da una anello biancastro. La colorazione del corpo è bianco-giallastra con sfumature violacee.La lunghezza massima raggiunta da questa specie è di 20 cm, comuni sono individui da 12-18 cm.

Dove vive la cicala

La cicala di mare è presente tutte lungo le nostre coste, soprattutto  medio Adriatico ed in alto Tirreno. La cicala di mare è diffusa nell’intero Mediterraneo ed è presente inoltre nella parte est dell’Oceano Atlantico, dalle Isole Britanniche all’Angola. E’ oggetto di pesca professionale essenzialmente con reti a strascico ed attrezzi fissi. Le catture sono più abbondanti nelle ore notturne e dopo un periodo di cattivo tempo.

La cicala in cucina

La cicala ha carni di notevole pregio, molto apprezzate, in particolare nel periodo autunno-invernale. Il valore nutrizionale di questa specie è buono, per il suo apporto proteico, di carboidrati e sali minerali.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 4.2 / 5. Conteggio voti: 6

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal