VIDEO. L’incredibile velocità di aspirazione dei cavallucci marini per catturare le loro prede

Indubbiamente, i cavallucci marini non smetteranno mai di stupire! Questi piccoli pesci, goffi nel nuoto, sembrano muoversi al rallentatore, ma sono dei grandi esperti del mimetismo. Danze coreografiche per avvicinare il partner e gestazione nel ventre del maschio.

Alimentazione di aspirazione

Per nutrirsi, i cavallucci marini aspirano le loro predeaprendo rapidamente la cavità orale per far entrare l’acqua ed il cibo : un meccanismo che richiede una grande precisione. Per creare una depressione sufficiente nella cavità orale, il cavalluccio marino allunga la testa e muove rapidamente l’ osso ioide (coinvolto nella deglutizione).

Questi animali, infatti, non hanno denti, il che rende difficile la digestione della preda, che di fatto viene ingerita intera.  Dovendo nutrirsi con relativa frequenza, i cavallucci marini generalmente scelgono piccoli crostacei cercandoli vicino ad alghe o coralli dove aspettano appesi per gran parte della giornata, mimetizzati ma sempre alla ricerca di cibo. Questa modalità di alimentazione richiede una vicinanza con la preda.

2 millisecondi per catturare la preda

Questo metodo di alimentazione ad aspirazione è abbastanza diffuso nei vertebrati acquatici, specialmente nei pesci e negli anfibi. I ricercatori dell’Università di Tel Aviv (Israele) hanno studiato questo fenomeno nei cavallucci marini: i loro risultati, pubblicati sulla rivista Experimental Biology , mostrano che generano un flusso di aspirazione 8 volte più veloce di quello di altri pesci di dimensioni simili! 

Immagini al rallentatore

Ancora più impressionante, i cavallucci marini sono in grado di muovere la testa a una velocità incredibile di 2 millisecondi per raggiungere la preda, che non ha assolutamente tempo per sfuggirgli. Lo studio indica che la preda impiegherebbe “ circa 4 millisecondi per avviare una risposta dopo aver rilevato un disturbo idrodinamico. La cernia ad esempio impiega circa 41 millisecondi per completare lo stesso compito, vale a dire 17 volte meno veloce. Secondo il prof. Roi Holzman, coautore dello studio, i cavallucci marini “ trasformano la testa in una sorta di molla: con l’aiuto dei muscoli della schiena, si allungano come un elastico

Le misure contano

Tra le diverse specie di cavallucci marini, non tutte hanno la stessa lunghezza della muso. Tuttavia, secondo i ricercatori di Tel Aviv, ” la velocità del movimento della testa e dell’aspirazione sono determinate anche dalla lunghezza del muso dell’ippocampo”. Alcuni hanno un muso lungo che consente loro di sollevare la testa molto velocemente ma di aspirare più lentamente. Altri hanno un muso più corto, garantendo meno movimento ma un’aspirazione molto più forte. “ Le specie con il muso lungo catturano piccoli animali molto veloci, mentre quelle con il muso corto aspirano prede più grandi.

Gli autori dello studio ipotizzano che la strategia dei cavallucci marini con un muso più corto si basi principalmente sul mimetismo per nascondersi alla loro preda.

Ippocampo
  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Biologia marina
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:4 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:7 Ottobre 2021

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento