Si tratta di un signatide scoperto nel 2016 grazie agli studi su di un esemplare catturato nel 1906 . Ecco il drago di mare rubino

Sono stati i ricercatori della Scripps institution of oceanography dell’università della California ad organizzare una spedizione scientifica per scovare la misteriosa specie di signatide segnalata soltanto nel 2016. Al Ruby seadragon, da noi tradotto come drago di mare rubino, e’ stato assegnato il nome scientifico di Phyllopteryx dewysea. 
Grazie alle riprese effettuate con un mini rov, i ricercatori sono riusciti a filmare una coppia di draghi di mare ad una profondità di circa 50 metri. A differenza delle altre due specie di draghi di mare, il drago di rubino non ha le classiche appendici simili a foglie che permettono all’animale di mimetizzarsi per predare o nascondersi.
seadragon Una nuova specie di draghi di mare

E’ stato come cercare un ago in un pagliaio ammette Greg Rouse, biologo marino a capo della spedizione scientifica. Rouse e colleghi hanno intuito che vi fosse la remota possibilità dell’esistenza di una terza specie di draghi di mare dopo aver studiato un campione proveniente dal Western Australian Museum. Tale campione era stato già classificato, ma il Dr. Rouse non convinto del posizionamento nell’albero filogenetico, ha proposto la nuova specie.

Vuoi votare questo post

Fai clic su una stella per votarle!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Grazie

Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile!

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui