Una nave in Antartico studierà il fitoplancton

Il Giornale dei MARINAI NewsUna nave in Antartico studierà il fitoplancton
0
(0)

Una nave da ricerca studierà i legami  tra vulcani sottomarini e fitoplancton in Antartide.

Studiare i legami fra i vulcani sottomarini e il fitoplancton, considerato ‘la fondazione della vita’ nell’ecosistema dell’Oceano Meridionale. E’ la missione dei ricercatori di diverse discipline che oggi hanno preso il mare da Fremantle in Western Australia diretti verso l’Antartide.

Il fitoplancton microbico ha bisogno di ferro per prosperare e gli scienziati prevedono che la sua abbondanza sia legata alla presenza di vulcani, mentre la sua fioritura ha impatto su elementi che influenzano il clima.

l43-astrolabe-150104002233_mediumLa nave di ricerca Investigator dell’ente scientifico nazionale Csiro, con a bordo 26 scienziati fra cui biologi, geologi e chimici, fa rotta verso le isole subantartiche Heard e McDonald, 4000 km più a sud. La nave è attrezzata per trainare cineprese di profondità, produrre mappe tridimensionali del fondo oceanico e raccogliere campioni dal fondo stesso per tenere traccia delle emissioni dei vulcani. “Oltre a sostenere la vita negli oceani e rifornire l’atmosfera di ossigeno – ha detto alla radio nazionale Abc lo scienziato capo della spedizione Mike Coffin, dell’Istituto di Studi Marini e Antartici dell’Università della Tasmania – la fioritura del fitoplancton ha impatto sui contenuti di carbonio, azoto, silicio e zolfo, che influenzano l’intero sistema climatico della Terra”. L’obiettivo della spedizione di due mesi è di meglio comprendere gli effetti sull’oceano delle emissioni dei vulcani. “In generale – continua Coffin – vediamo il sistema vulcanico come una specie di ammortizzatore chimico per l’oceano, che regola la composizione chimica delle acque. Vi è un legame molto forte fra ciò che avviene nell’interno della Terra e ciò che avviene nell’ambiente terrestre, particolarmente nella biosfera”. E conclude: “Il fitoplancton è bio-limitato dalla disponibilità di ferro, di cui necessita per metabolizzarsi. Poiché l’acqua marina non contiene ferro o ne contiene pochissimo, è necessaria una disponibilità di ferro per produrre la fioritura del fitoplancton. La nostra ipotesi è che siano i vulcani sottomarini a emettere il ferro necessario a questo elemento essenziale dell’ecosistema del pianeta

Fonte Ansa

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal