• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:News
  • Commenti dell'articolo:1 commento
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:20 Febbraio 2020

Una denuncia col botto. Il caso PUNTA BIANCA al bivio.

Mareamico, Marevivo e Legambiente contro le esercitazioni militari a Drasy.

blindati in azione
Carri armati nell’area agrigentina di Punta Bianca

 Questa volta la denuncia è arrivata all’Italia intera. La delegazione di Agrigento di Mareamico, congiuntamente a Marevivo e Legambiente ha fatto “scoppiare la bomba”. Piu’clamore di cosi non avrebbero potuto fare, ma era l’unico modo per raggiungere i cittadini. Ormai da diverso tempo l’area Drasy è luogo di esercitazioni militari, eseguite con mezzi pesanti come carri armati e bombe lanciate in mare a poche centinaia di metri dalla costa. Il video e le foto che vedrete non lasciano scanso ad equivoci. L’area, a pochi chilometri  dalla Valle dei Templi di Agrigento, è soggetta a scosse e vibrazioni, che nel tempo ne hanno cambiato anche la morfologia del territorio. Le fragili falesie sottoposte a vibrazioni da ben 58 anni si stanno sgretolando sotto gli occhi di tutti.

esplosione a terra
La deflagrazione della roccia “a colpi di cannone”

Vedere carri armati, jeep, militari in assetto da guerra in un’area destinata alla massima tutela fa rabbrividire – afferma il coordinatore di Mareamico Claudio Lombardo-. Ora è giunto il momento di dire basta alle esercitazioni militari a Drasy. Le esercitazioni militari non devono essere interrotte, ma devono essere effettuate in zone adatte, non a pochi chilometri di distanza da un’area di importanza mondiale come la Valle dei Templi di Agrigento, e neanche su di una zona che presto “potrebbe diventare riserva naturale orientata”.

Nei prossimi giorni verrà presentato al Ministro dell’Ambiente un dettagliato dossier su ciò che è accaduto e continua ad accadere a Punta bianca.

Il video del Tg5 sul caso Punta Bianca

quartier generale
Il quartier generale dell’esercito a Punta Bianca
ogiva trovata
Ritrovamento di un’ogiva a pochi metri dal mare.
esplosione in mare e a terra
Le esplosioni avvenute a mare e a terra danneggiano il territorio e l’ambiente.

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento