Home News Una città sommersa costruita da batteri

Una città sommersa costruita da batteri

482
0
0
(0)

Una città sommersa ha attirato la curiosità di scienziati e geologi. Non si tratta di una Atlantide perduta ma di una bio-costruzione i cui architetti sono i batteri.

Esistono due tipi di città perdute: quelle costruite dall’uomo e quelle invece costruite da organismi marini. Come il caso della città perduta scoperta tra le acque di Zante in Grecia. Le immagini scattate da alcuni subacquei in un primo momento fecero proprio pensare ai resti di una civiltà sommersa. L’indagine subacquea della Soprintendenza del Mare ellenica non aveva però portato ad altre scoperte. Ne monete d’oro ne artefatti umani come ceramiche che potevano confermare la scoperta.

Le strutture invece che sembravano i resti di templi religiosi non sono altro che delle bio-costruzioni costruite da batteri che abitano i sedimenti e che sono stati in grado di alterare la chimica del suolo creando condizioni favorevoli per la costruzione di strutture  chiamate dolomie (La dolomia è una roccia sedimentaria carbonatica costituita principalmente dal minerale dolomite, chimicamente un carbonato doppio di calcio e magnesio.) Sembra che il processo sia cominciato 3 milioni di anni fa e si sono poi scolpite nel tempo dando la forma di un artefatto umano.

greece

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Articolo precedentePunta Campanella, altre 4 tartarughe tornano in mare
Articolo successivoLa Turchia affonda un Airbus per creare un reef artificiale
Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui