Un Master per la gestione delle aree protette, Punta Campanella tra i promotori.

Il Giornale dei MARINAI NewsUn Master per la gestione delle aree protette, Punta Campanella tra i promotori.
0
(0)

Un innovativo corso post universitario di secondo livello promosso dalla Sapienza di Roma e dall’AIDAP. Nel comitato organizzatore anche Antonino Miccio, direttore del Parco Marino di Punta Campanella. Si parte a febbraio 2018.

L’Area Marina Protetta di Punta Campanella e’ tra i promotori di un innovativo Master ambientale sulla gestione delle aree protette. Il corso post laurea partira’ nel febbraio 2018 e si terra’ presso “La Sapienza” di Roma. Nel ristretto comitato organizzatore anche il Direttore del Parco di Punta Campanella, Antonino Miccio.
L’Aidap (associazione italiani direttori aree protette) e La Sapienza sono i maggiori promotori di questo nuovo e prestigioso strumento di formazione per i professionisti impegnati nella pianificazione, progettazione e gestione delle aree naturali protette terrestri e marine. Si tratta di un innovativo Master universitario di secondo livello, aperto a tutte le tipologie di laureati magistrali, che l’Università della Sapienza ha appena approvato definitivamente e che avvierà le lezioni nel febbraio 2018.
Capitale Naturale ed Aree Protette (CNAAPP) è il nome di questo Master, che vede già assicurati i patrocini e la collaborazione di molti dei principali enti ed associazioni del settore: Ministero dell’Ambiente, Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Romanatura, Riserva regionale Nazzano Tevere-Farfa, Aree Marine Protette di Punta Campanella e Regno di Nettuno, Legambiente nazionale, Associazione Symbola, AIGAE, ADRIAPAN.
“La formazione e l’aggiornamento professionale sono da sempre per AIDAP vere priorità per il settore della conservazione- dichiara Antonino Miccio, direttore di Punta Campanella ed ex Presidente nazionale Aidap- Questo Master costituisce un fondamentale passo avanti nella costruzione di un nuovo modello formativo per le professioni legate alla protezione e valorizzazione del capitale naturale e culturale del Paese.”
Il nuovo Master è caratterizzato anche da alcune ambiziose sfide, essendo rivolto a laureati di tutte le discipline, nell’intento di creare quella sinergia tra i diversi settori che sempre più devono lavorare assieme per la gestione delle aree protette.
E’ una sfida anche quella di essere rivolto non solo ai professionisti che ai vari livelli lavorano o vorrebbero lavorare nei parchi, ma anche a coloro che le aree protette le amministrano o le amministreranno a livello politico. Un modo per dare sostanza al principio di incremento di competenze specifiche e manageriali che la modifica alla legge quadro prevede per dirigenti ed amministratori delle numerosissime aree protette terrestri e marine del Paese.
Nelle prossime settimane sarà pubblicato il bando per iscriversi al Master e saranno definite le possibilità relative a borse di studio e facilitazioni per i soggetti che patrocinano l’iniziativa. Il gruppo docente, formato da professori della Sapienza e da esperti esterni di chiara fama provenienti in gran parte dal mondo della gestione, sarà altamente qualificato per garantire un elevato standar formativo.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal