Tonno rosso in Atlantico


La pesca ed il riscaldamento globale portano i tonni ad andare sempre più verso nord

La presenza del tonno rosso (Thunnus thynnus) nelle acque dell’Atlantico del Nord è in aumento. Le coste francesi della Bretagna e della Normandia hanno avuto un picco della presenza del tonno rosso a partire dal 2017. Insieme al tonno ci sono anche lampughe, pesci serra e i pesci balestra che stanno occupando un areale sempre piu’ vasto verso il Nord d’Europa.

Lo studio AMO Atlantic Multidecadal Oscillations sulla distribuzione del tonno pubblicato su Science Advances spiega il ritorno del re del mare scomparso per 40 anni dalle fredde acque del canale della Manica e del golfo di Guascogna.

Distribuzione del tonno rosso atlanticoI ricercatori del Laboratoire d’océanologie et de géosciences del Cnrs/Université della citta di Lille hanno trovato risposta agli spostamenti degli stock di tonno verso nord. Lo studio infatti dimostra come il tonno sia tornato verso nelle acque del Nord.

Gli scienziati hanno studiato le catture del tonno rosso nell’Oceano Atlantico nord-orientale del 1900 e i cambiamenti della loro distribuzione. Questi spostamenti di massa sono dettati dalle oscillazioni delle temperature delle acque superficiali dell’Atlantico che alterna fasi calde e fredde su periodi di tempo di 70 anni, con differenze di temperature tra queste fasi leggermente inferiori a 1 grado centigrado. Tale variazione agisce sugli spostamenti del plancton con evidenti conseguenze sugli ecosistemi. Secondo i ricercatori il tonno rosso risalirebbe sino alle fredde acque della Groenlandia e della Norvegia alla ricerca dei banchi di sardine e di aringhe che seguono la produzione planctonica. Durante le fasi piu’ fredde il tonno rimarrebbe in acque piu’ temperate per poi risalire. A confermarlo sono i dati raccolti nel 1963 quando le temperature si abbassarono ed il tonno scomparve. In quegli anni gli scienziati accusarono la sovrapesca, poi nel 1995 il tonno ritorno’ in Atlantico sino alle acque della Gran Bretagna.

Distribuzione del tonno rosso atlanticoSecondo gli scienziati il tonno continuerà a spostarsi verso le acque della Manica e l’innalzamento delle temperature potrebbe favorire la migrazione del tonno in Nord Atlantico scomparendo cosi dal Mediterraneo.

Secondo i ricercatori i cambiamenti della distribuzione sono piuttosto dovuti alle migrazioni e non ai piani di recupero degli stock avviati negli ultimi anni dall’ICCAT. 

Qua potete leggere lo studio di Robin FaillettazGrégory Beaugrand Eric Goberville e Richard R. Kirby

1 COMMENT

  1. Ciao Marcello io li ho visti a fine settembre erano piccoli a Santa Margherita Ligure nell ‘A.M.P. di Portifino, erano a caccia di acciughe, sembrava che l’acqua bollisse. Ho foto scattate dalla barca e sott’acqua putroppo non si vedono bene però c’erano.

Replica

Please enter your comment!
Please enter your name here