Home Notizie sul mare e sulla pesca Tartaruga sulla spiaggia di meta, sopralluogo per nidificare

Tartaruga sulla spiaggia di meta, sopralluogo per nidificare

40
0


Ieri notte evento raro sul lido del comune costiero affollatissimo in estate. Parco Marino Punta Campanella e Stazione zoologica A.Dhorn già sul posto per monitorare il sito. La Caretta caretta potrebbe tornare per deporre le uova. 

Un evento insolito, più che raro. Ieri notte una tartaruga Carretta caretta è apparsa su un lido di Meta di Sorrento in penisola sorrentina. Una spiaggia di solito affollatissima in estate. La Caretta è poi rientrata in acqua. Molto probabilmente ha effettuato un sopralluogo per nidificare e sarebbe un caso davvero eccezionale. Da stamattina gli esperti dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella e della stazione zoologia A.Dhorn, con il prezioso contributo della Capitaneria di Porto, sono sul sito per verificare l’accaduto. Ci resteranno per giorni monitorando il lido. Non è escluso, infatti, che la tartaruga possa tornare già stasera per deporre le uova. In quel caso andranno tutelate e monitorate come accade in altre spiagge campane, soprattutto nel Cilento.
FB_IMG_1562924295487-1-203x300 Tartaruga sulla spiaggia di meta, sopralluogo per nidificare“La collaborazione ultradecennale tra Area Marina Protetta di Punta Campanella e la Stazione zoologia A.Dhorn- spiega Antonino Miccio, direttore Amp Punta Campanella- ha permesso di salvare più di 160 tartarughe. Da anni questo splendido abitante del mare è tornato a nidificare lungo le coste campane. Dovesse accadere anche in penisola sorrentina sarebbe davvero un evento eccezionale. Intanto siamo in campo con tutta la competenza e l’esperienza accumulata in questi anni grazie ai biologi dell’ A.Dhorn per seguire e monitorare questo piacevole avvistamento.”
L’ Area Marina Protetta di Punta Campanella raccomanda a tutti di prestare attenzione nel tratto di mare da Vico a Sorrento. In caso di avvistamento della Caretta Caretta, contattare subito il 1530 della Guardia Costiera e restare ad almeno 10 metri di distanza dalla tartaruga per non interferire con le sue attività.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui