Sabato 5 a San Giuliano torna a nuotare in mare Beatrice

Il Giornale dei MARINAI NewsSabato 5 a San Giuliano torna a nuotare in mare Beatrice
0
(0)

La tartaruga marina curata presso il Centro di Primo Soccorso dell’AMP “Isole Egadi”

Sabato 5 novembre, alle ore 11, alla spiaggia di San Giuliano a Erice, un’altra tartaruga Caretta caretta recuperata, soccorsa e assistita dai biologi marini e dai veterinari del Centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine dell’Area Marina Protetta “Isole Egadi”, verrà liberata in mare, dopo la completa guarigione. Alla liberazione prenderanno parte il sindaco del Comune di Favignana e presidente dell’AMP, Giuseppe Pagoto, il Sindaco di Erice, Giacomo Tranchida, il Comandante Giuseppe Guccione, della Capitaneria di Porto di porto di Trapani, oltre ai rappresentanti al Servizio 19-U.O.03 – Ripartizione Faunistico Venatoria di Trapani. L’esemplare si chiama Beatrice, rinvenuta il 9 settembre 2016 proprio a San Giuliano (Casa Santa Erice – Trapani), sul Lungomare Dante Alighieri (da cui è stata battezzata Beatrice) grazie all’intervento dei bagnini e dell’operatore turistico della spiaggia. E’ stato consegnato al personale della Capitaneria di Porto di Trapani che ne ha seguito il trasferimento fino al Centro di Primo Soccorso a Favignana. Beatrice, una femmina adulta di circa 76 cm di lunghezza e 52 kg di peso, all’arrivo al Centro presentava visibili ferite multiple da costrizione sulle pinne anteriori. Dalla visita veterinaria è emersa la presenza di un amo da tonno in esofago prossimale. Il veterinario ha provveduto alla rimozione dell’amo, che per fortuna non aveva causato particolari lesioni. Destavano preoccupazione, invece, le ferite agli arti anteriori e in particolare alla pinna anteriore destra, dove la costrizione della lenza aveva provocato una ferita profonda, con compromissione della circolazione e parziale necrosi della parte distale dell’arto. Le medicazioni e i curettage delle lesioni, effettuate costantemente dallo staff veterinario, hanno scongiurato l’amputazione dell’arto consentendo a Beatrice di tornare a nuotare senza alcuna difficoltà. “Beatrice – spiega il direttore dell’AMP, Stefano Donati – è stata vittima di cattura accidentale da parte di un palangaro derivante, utilizzato per la pesca dei grandi pelagici. Nel complesso questo attrezzo, assieme ai palangari da fondo, è responsabile di circa il 40% delle morti di tartarughe marine nel Mediterraneo. Oltre ai danni provocati dall’amo, rappresentano una minaccia le lenze ad esso legate, soprattutto se vengono lasciate lunghe nell’atto di tagliarle per liberare l’animale. Una lenza lunga, se ingerita, può, assieme all’amo, generare lesioni interne, che nella maggior parte dei casi si rivelano mortali. Nel caso di Beatrice la lenza non è stata ingerita ma si è avvolta attorno agli arti, compromettendo la sua capacità di nuoto e generando lesioni reversibili”. Attraverso il progetto LIFE +12 TartaLife, inoltre, finanziato dalla Commissione europea, il Centro sarà presto potenziato a Centro di Recupero. Per segnalazioni o comunicazioni, è sempre attivo il numero dedicato “SOS Tarta” 328.3155313, H24, oltre che l’indirizzo di posta elettronica sostarta@ampisoleegadi.it.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino