Il Giornale dei MARINAI EVENTI Studenti americani alla scoperta dell’AMP del Plemmirio

Studenti americani alla scoperta dell’AMP del Plemmirio


0
(0)

Studenti americani alla scoperta dell’AMP del Plemmirio

Otto studenti americani sono a Siracusa alla scoperta delle bellezze del Plemmirio. Gli studenti, guidati dalla Arcadia University, Mediterranean Center for Arts and Sciences a attraverso un protocollo stipulato tra l’ateneo Usa e l’Area Marina Protetta del Plemmirio avranno tre settimane di tempo per approfondire le loro conoscenze teoriche e tecniche sul mare nostrum.

dsc_0012La finalità dell’iniziativa è quella della “acquisizione della conoscenza degli habitat marini dell’area marina” e la formazione prevede una full immersion e varie attività.

Dal conseguimento del brevetto open water con uno dei diving accreditati per la realizzazione di immersioni nell’oasi marina siracusana, al monitoraggio ambientale e allo sviluppo delle conoscenze di base degli aspetti naturalistici dell’area marina a fianco di biologi marini, alla partecipazione del pattugliamento e controllo della costa con la locale Polizia ambientale e fino, naturalmente, a tuffarsi nelle splendide acque del Plemmirio dove hanno già avuto modo, riferiscono dal Consorzio Plemmirio “di imbattersi in barracuda e cernie mentre i più fortunati hanno persino avvistato un enorme pesce luna che li ha piacevolmente impressionati”.

Gli studenti avranno modo di realizzare nell’ultima settimana di studi prevista a fine giugno, filmati e video che arricchiranno di nuove emozioni la loro esperienza di studio a Siracusa.

<<Riscontriamo sempre un grande entusiasmo da parte degli studenti americani nello scoprire la bellezza del mare del Plemmirio – afferma il direttore dell’Amp del Plemmirio Rosalba Rizza – mi piace ricordare che questo progetto nasce da un protocollo stipulato con la Arcadia University a cui partecipano, nello svolgimento delle attività istituzionali, anche l’Arpa di Siracusa che collabora  alle attività di laboratorio volte al monitoraggio scientifico delle acque marine e la Polizia Ambientale impegnata nel presidio della sicurezza delle coste>>.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche