Stazione Zoologica Anton Dohrn – Riserva Naturale Foce Sele-Tanagro

Il Giornale dei MARINAI NewsStazione Zoologica Anton Dohrn – Riserva Naturale Foce Sele-Tanagro
0
(0)

Mercoledì mattina, 23 maggio, in occasione del World Turtle Day, a partire dalle 10:00 presso la Riserva Naturale Foce Sele- Tanagro, si svolgerà la manifestazione “Di nuovo in onda” dedicata al ritorno in mare di cinque tartarughe Caretta caretta. Le tartarughe, ritrovate in diverse località marine del sud Italia, versavano in uno stato di grave difficoltà per l’ingestione di plastica o l’impatto con ami, corde ed altri materiali utilizzati per la pesca.

Dopo essere state curate e riabilitate presso il Centro Ricerche della Stazione Zoologica  Anton Dohrn di Napoli, saranno liberate ad Eboli, presso il Lido PaestumInterverrannoMaria Gabriella AlfanoCommissaria dell’Ente Riserve Foce Sele Tanagro e Monti Eremita MarzanoMassimo CarielloSindaco di Eboli;  Sandra HochscheidResponsabile Centro Ricerche Tartarughe Marine SZN;  Alberto RemolinoPresidente Rotary Club Campagna- Valle del Sele.

L’estate scorsa nel territorio della Riserva Foce Sele Tanagro, sulla spiaggia del Lido Paestum, sono nate 71 tartarughe Caretta caretta. L’emozionante evento, reso possibile dalla qualificata attività degli zoologi del Centro Ricerche Anton Dhorn per la cura delle tartarughe marine, fu seguito da centinaia di persone, tra cui numerosi bambini e ragazzi, e rappresentò un importante momento di sensibilizzazione su questa specie e sulle minacce che subisce a causa dell’inquinamento dell’ambiente marino e costiero”– dichiara la Commissaria Alfano – “Con questa iniziativacontinuiamo ad occuparci del tema coinvolgendo anche le istituzioni. Nella giornata mondiale delle tartarughe, saranno liberati cinque esemplari, salvati e curati dal Centro Dhorn. Abbiamo fortemente voluto coinvolgere, oltre al Comune di Eboli, a cittadini ed associazioni, gli alunni delle scuole elementari del territorio per inculcare il rispetto dell’ambiente e le regole minime da osservare per evitare che -ad esempio- plastica, fili di nailon, reti ed ami per la pesca mettano a rischio l’incolumità di questa specie che sta tornando a nidificare sulle nostre coste”.

Le cinque tartarughe sono state curate per diversi danni subiti in mare.
Capitan Peter, ritrovato a Pontecagnano il 7 maggio dell’anno scorso,  aveva una ferita penetrante nella regione ascellare; Ettore, trovato a Lecce il 30 giugno 2016 aveva lesioni agli occhi; Melibea, trovata a Marina di Camerota il 26 agosto dello scorso anno, aveva danni procurati da lenze; Marianna, trovata a Castel Volturno il 31 ottobre 2017, catturata da una rete di un pescatore,  aveva avuto un principio di annegamento; Valentina trovata il 15 dicembre scorso aveva gravi danni procurati da ami.

 “La SZN festeggerà il World Turtle Day ,  il giorno mondiale delle tartarughe con la liberazione di cinque Caretta caretta curate e riabilitate presso il Centro Ricerche Tartarughe Marine” – ha dichiarato Sandra Sandra HochscheidResponsabile Centro Ricerche Tartarughe Marine SZN- “Questi esemplari sono stati trovati in difficoltà lungo le coste della Campania intrappolati in reti da pesca, con ami e lenze ingerite, con plastiche che bloccavano lo stomaco e l’intestino e con lesioni agli arti, occhi, carapace ed altre ferite. La scelta del luogo di rilascio non è casuale. La spiaggia antistante il Lido Paestum ha ospitato l’anno scorso un nido di tartaruga. Si trova nella Riserva Naturale Foce Sele-Tanagro, con cui è iniziata una proficua collaborazione alla tutela delle tartarughe e dell’ambiente costiero in cui nidificano. Questa volta, insieme alla Riserva, è stata organizzata la liberazione per sensibilizzare i cittadini alla presenza delle tartarughe sulle spiagge idonee alla nidificazione di questi animali minacciati. Siamo vicini alla prossima stagione riproduttiva e ci auguriamo di avere tanto supporto dai cittadini locali per riconoscere, individuare e proteggere i nidi deposti nella zona“.
All’evento  “Di nuovo in onda”parteciperanno gli alunni degli Istituti comprensivi Virgilio e Gonzaga di Eboli, che saranno impegnati in tante attività per conoscere questi meravigliosi esemplari. L’iniziativa vede anche il Patrocinio del Rotary Club Campagna Valle del Sele.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Il granchio fantasma – Ocypode cursor
4 (2) Il granchio fantasma – Ocypode cursor è un piccolo granchio delle dimensioni massime
idrofono Monitoraggio acustico dei mammiferi marini
4 (1) I mammiferi marini, in particolare i membri dei due ordini Pinnipedi (foche) e
delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (6) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino