Il Giornale dei MARINAI La pesca professionale Risoluzione dipendenti comparto ittico

Risoluzione dipendenti comparto ittico


0
(0)

Una buona notizia per gli operatori del mondo ittico. Alla riapertura dei lavori parlamentari, infatti, è stata approvata ieri in Commissione Lavoro della Camera dei Deputati la risoluzione dell’On. Rostellato, di cui l’On. Venittelli è la seconda firmataria, sulla tutela dei dipendenti del settore ittico sul piano lavorativo e previdenziale. L’atto di indirizzo, che ha incassato il parere favorevole del Governo, impegna quest’ultimo ad istituire un tavolo di confronto con le parti sociali e le amministrazioni competenti al fine di rivedere l’inquadramento professionale degli imbarcati. “Siamo soddisfatti dell’approvazione di questa risoluzione  – afferma l’onorevole del Pd Laura Venittelli (responsabile nazionale dem per la Pesca e l’acquacoltura) – poiché mostra la volontà della maggioranza di impegnare il governo a promuovere e varare provvedimenti sempre più vicini alle esigenze di questo comparto, che diventa ogni giorno di più centrale per il nostro Paese.  Proseguiamo un iter positivo che avviammo con la presentazione dei nostri emendamenti, estendendo anche al mondo della pesca e alle compagini armatoriali la possibilità di ricorrere ai sistemi di ammortizzatori sociali già previsti in altri ambiti. Una opportunità ulteriore per avversare e affrontare una crisi che l’ittica vive da anni. Infine, sono soddisfatta della sensibilità che il Governo sta dimostrando nei confronti dei lavoratori del settore, ci auguriamo che il tavolo tecnico previsto dalla risoluzione permetta ai dipendenti del comparto ittico di avere un apparato di ammortizzatori sociali preciso e che venga riconosciuto il loro lavoro come “usurante” nell’ambito della revisione del sistema pensionistico”.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche