Il Giornale dei MARINAI News Riparte l’Aula sul mare: un progetto di educazione ambientale e velica nell’Area Marina Protetta Isole Egadi

Riparte l’Aula sul mare: un progetto di educazione ambientale e velica nell’Area Marina Protetta Isole Egadi


0
(0)

“Isole Egadi”, il progetto L’AULA SUL MARE”, un progetto di formazione marinaresca e integrazione giovanile sviluppato dall’Associazione sportiva dilettantistica Oxygene. Partito come progetto pilota, grazie alla partecipazione dell’Istituto di Istruzione Superiore Statale Baldessano Roccati di Carmagnola, nel 2016 ha raccolto la partecipazione di un secondo Istituto e grazie al finanziamento pubblico dal M.I.U.R. favorisce la partecipazione di otto Istituti per l’anno accademico 2016-2017, dimostrando il grande valore formativo che in Italia può ricoprire l’attività velica e marinaresca.
Il progetto quest’anno coinvolge circa 350 allievi tra i 15 e 18 anni che navigheranno nelle acque delle Isole Egadi nel periodo tra il 30 marzo e il 5 giugno, per un totale di otto settimane. Scopo del progetto è quello di sensibilizzare e responsabilizzare gli studenti nei confronti dell’ambiente marino e dell’ecosistema ad esso associato, attraverso una esclusiva esperienza di vita, capace di arricchire e sviluppare il bagaglio culturale, emozionale e relazionale attraverso la vita di bordo e l’apprendimento dell’arte della marineria. Inoltre, per maggiore consapevolezza delle problematiche ambientali, sono previste lezioni sull’Area Marina Protetta delle Egadi e visite presso il Centro di Primo Soccorso delle Tartarughe Marine.
Il primo aprile scorso una folta delegazione di ragazzi, ormeggiate le 4 barche a vela nel porto di Favignana, grazie alla collaborazione dell’Ufficio locale marittimo, ha visitato il Centro tartarughe dell’AMP, già operativo da alcune settimane.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Cosa ne pensi ? Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche