RIO MARE SOSTIENE L’AREA MARINA PROTETTA DELLE ISOLE EGADI: PESCA A STRASCICO ILLEGALE RIDOTTA DELL’80%

Il Giornale dei MARINAI NewsRIO MARE SOSTIENE L’AREA MARINA PROTETTA DELLE ISOLE EGADI: PESCA A STRASCICO ILLEGALE RIDOTTA DELL’80%
0
(0)

Milano, 11 Settembre 2016 – Riduzione del 80% della pesca a strascico illegale sotto costa attorno alle Isole Egadi grazie al progetto triennale di Rio Mare, realizzato insieme all’Area Marina Protetta, che ha permesso il posizionamento di 20 dissuasori antistrascico ripopolanti, volti a ridurre la pesca illegale che danneggia i fondali, distrugge la prateria di Posidonia oceanica e riduce gravemente la fauna ittica. Questo è solo uno dei risultati dell’iniziativa di Rio Mare, una delle prime di questo genere per durata e investimento realizzata da privati in Italia, volta a salvaguardare la biodiversità e a favorire una gestione sostenibile delle risorse naturali del territorio. In particolare l’intervento di Rio Mare prevede il finanziamento di 3 progetti: la tutela della Posidonia oceanica, la gestione dell’Osservatorio della Foca monaca nel Castello di Punta Troia a Marettimo e il sostegno al Centro di Primo Soccorso delle Tartarughe marine nel Palazzo Florio di Favignana.

-80% della pesca a strascico illegale sotto costa attorno alle Isole Egadi grazie al posizionamento di dissuasori antistrascico, 20 dei quali installati grazie a Rio Mare

14 tartarughe marine Caretta caretta soccorse e curate nel solo 2016

Registrato il ritorno della Foca monaca nelle coste siciliane grazie al monitoraggio sostenuto da Rio Mare

La posa in acqua dei 20 dissuasori Rio Mare ha permesso di portare avanti il lavoro di protezione delle coste già iniziato dall’Area Marina Protetta nel 2013 con l’obiettivo di incrementare la fauna ittica e tutelare la Posidonia Oceanica, il “polmone verde” del Mediterraneo che, oltre a fornire rifugio e nutrienti a innumerevoli specie, contrasta l’erosione delle coste, combatte i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. I dissuasori, costituiti da blocchi di cemento armato certificato sea-friendly e dotati di ganci in grado bloccare la pesca a strascico sotto costa, permettono quindi la tutela degli organismi marini e contribuiscono alla biodiversità delle specie ittiche del Mediterraneo. Nel corso del prossimo anno è prevista la posa di altri 20 dissuasori con l’obiettivo di completare la protezione dell’Area Marina Protetta.

“Si tratta di un risultato che ci riempie di orgoglio – dichiara Luciano Pirovano, Corporate Social Responsibility Director di Rio Mare – Il sostegno all’Area Marina Protetta delle Isole Egadi rappresenta un esempio dell’impegno di Rio Mare per la tutela dell’ambiente e la gestione sostenibile delle risorse naturali ed è un’importante occasione in cui pubblico e privato uniscono le proprie forze per promuovere valori fondamentali per noi, quali la lotta alla pesca illegale, il rispetto dell’ecosistema marino e la tutela delle risorse ittiche”.

Il progetto triennale prevede anche il supporto alla gestione dell’Osservatorio della Foca monaca nel Castello di Punta Troia a Marettimo – per monitorare la presenza nell’arcipelago di questa specie, la più protetta e vulnerabile del mediterraneo. Lo scorso inverno un esemplare subadulto della Foca è stato avvistato e documentato da una delle sette foto trappole che Rio Mare ha contribuito ad installare nelle grotte delle Isole Egadi. Il ritorno della Foca monaca in Italia è un evento unico: l’avvistamento invernale è infatti il segno di una presenza stanziale e la documentazione di questa specie nell’arcipelago siciliano gioca un ruolo strategico per la sua valenza conservazionistica, considerata la sua rarità e la scarsità di informazioni sulla sua presenza nei nostri mari.

Anche il terzo progetto, il sostegno al Centro di Primo Soccorso delle Tartarughe marine, situato nel Palazzo Florio di Favignana, ha dato i suoi frutti. Solo quest’anno sono state soccorse e ricoverate 14 tartarughe Caretta caretta che erano state ferite o si sono trovate in difficoltà a causa di ingestione di plastica o lenze da pesca, interazioni con rifiuti galleggianti o impatti con barche. La struttura di recupero svolge anche un’importante funzione di centro visite, centro di educazione ambientale e laboratorio didattico, molto importanti nell’ottica della sensibilizzazione di turisti, bambini e studenti sul rispetto delle specie marine protette. Nei primi nove mesi del 2016 il centro ha accolto oltre 2.000 visitatori.

“Questa collaborazione tra Rio Mare e l’Area Marina Protetta “Isole Egadi”, che rammento è la riserva marina più grande del Mediterraneo, – dichiara Stefano Donati, direttore dell’Area Marina Protetta delle Isole Egadi – non ha precedenti ed è un segnale molto importante di come le iniziative di Corporate Social Responsibility possano supportare le aree protette e i soggetti pubblici nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali. In questi tre anni il sostegno di Rio Mare ci sta consentendo di rafforzare la tutela dell’habitat sommerso più importante, la Posidonia e la conservazione di due specie simbolo del Mediterraneo. E i risultati sono assolutamente eccezionali: da nessun’altra parte in Italia, la pesca illegale si è ridotta in questa misura; così come incommensurabile è il dato del ritorno in Italia della Foca monaca.”

L’iniziativa è espressione del più ampio progetto di Rio Mare di Corporate Social Responsibility “Qualità Responsabile”, le cui aree di azione sono la sostenibilità della pesca e la tutela dell’ecosistema marino, il rispetto dell’ambiente, il rispetto delle persone e la corretta alimentazione. L’impegno dell’azienda, infatti, è quello di offrire ai consumatori una qualità a 360° perseguita responsabilmente lungo tutta la filiera, nel rispetto dell’ambiente e delle persone, dal mare alla tavola.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal