• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Biologia marina
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:2 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:13 Gennaio 2021

Le reti fantasma uccidono ogni anno circa 100 mila animali marini.

La World Animal Protection chiede al mondo di ripulire gli oceani per preservarli in futuro. La richiesta della ONG è stata fatta durante la conferenza mondiale sugli oceani svoltasi a New York.

A rimanere vittime delle reti fantasma sono in particolare tartarughe, delfini, balene e squali. Il mare da solo non può smaltire le reti da pesca abbandonate, tecnicamente ci vorrebbero 600 anni e nel frattempo tali attrezzi da pesca continuano a pescare e ad uccidere animali marini che giocano un importantissimo ruolo nell’equilibrio dei mari e del pianeta. Secondo le stime di World Animal Protection i rifiuti abbandonati sono pari a 53 mila autobus a due piani comi di reti.

Ma non sono soltanto tartarughe, balene e delfini ad essere minacciate. Con loro altre 800 specie tra cui foche, leoni marini, pesci luna, crostacei e molluschi.

Entro il 2018 la “Global Ghost Initiative Gear“, nata per mettere in relazione i governi sul tema scottante ha chiesto un sforzo per salvare un milione di animali marini entro il 2018 riducendo la quantità gli attrezzi abbandonati sui fondali.

Al momento stai visualizzando Reti fantasma: un serio problema per gli oceani
reti fantasma

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento