Il Ministero ha concentrato le nuove quote per l’Italia nelle mani di poche decine di aziende di pesca

“La decisione del Ministero di redistribuire le nuove quote del Tonno Rosso assegnate all’Italia solamente fra le trenta imprese più grandi è suicida” – dice Marco Affronte, Europarlamentare del Movimento 5 Stelle che siede in Commissione Pesca a Bruxelles in merito alla scelta del Ministero sulle quote di Tonno Rosso della Sicilia – “Sia dal punto di vista economico che da quello sociale una concentrazione nelle mani di pochi non ha senso. Secondo noi la pesca artigianale va tutelata e, anzi, incentivata.

Affronte: “Oligopolio pericoloso, decisione Ministero è suicida”
Corrao: “Si pensi anche all’equità sociale”

Specialmente se parliamo di una risorsa tanto preziosa. Si tratta di una scelta che è uno schiaffo alla volontà del Parlamento Europeo, che aveva anche votato un emendamento, nel report dedicato alla trasposizione delle direttive ICAAT, dove si chiedeva più trasparenza sull’assegnazione delle quote all’interno degli Stati Membri e soprattutto una maggiore attenzione verso quelle arti di pesca che da sempre pescano sostenibilmente il Tonno Rosso nel Mediterraneo. Viene da sorridere pensando che l’emendamento fosse stato proposto da un’Europarlamentare del Partito Democratico, sbugiardata da un Ministero che in teoria è guidato da un rappresentante del suo Partito… Noi possiamo garantire” – conclude Affronte – “che continueremo la nostra battaglia per una pesca sostenibile e per la tutela di quei pescatori artigianali che lavorano nel rispetto del mare.”

“In questo genere di questioni è necessario considerare sia aspetti di tipo ambientale, che economico, che sociale” – dice Ignazio Corrao, Eurodeputato M5S siciliano – “Dal punto di vista sociale, infatti, sappiamo che c’è molto malcontento per la disparità che è stata creata con la prima distribuzione delle quote, concentratesi in poche mani, e tanti piccoli pescatori privati di una risorsa così ricca. Il Tonno Rosso è infatti la risorsa commercialmente più importante presente nei nostri mari e le quote – suddivise ormai vari anni fa – hanno scavato un solco fra chi le detiene e chi no. Allargare ulteriormente questo solco” – conclude Corrao – “è un grosso errore. Andrebbe invece colmato con una redistribuzione più equa.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui