Questo piccolo pesce smette di respirare per sopravvivere

Il Cyprinodon macularius riesce a trascorrere diverso tempo senza consumare ossigeno. E lo fa per adattarsi alle trasformazioni fisiche dell’ambiente in cui vive

Nella Valle della morte, in California, vive un pesce che è in grado di rimanere in apnea sino a 5 ore. Il Cyprinodon macularius, appartenente alla famiglia dei ciprinidi, è stato oggetto di studi effettuati da Frank van Breukelen e Stanley Hillyard della University of Nevada, di Las Vegas. Il pesce, è riuscito a sopravvivere mutando ed adattandosi ad un nuovo ambiente. Un nuovo ambiente estremo, per il piccolo pesce che abitava le acque fredde e che adesso si ritrova a vivere in pozze  dove la temperatura rggiunge anche i 35°. E, tutto questo avviene grazie alla capacità del pesce di adattarsi ad un nuovo ambiente. Respirando ossigeno ad alte temperature il pesce va incontro alla produzione di radicali liberi che danneggiano le proteine. Ma grazie alle profonde apnee, i radicali liberi vengono in qualche maniera controllati e cosi il pesce può rimanere più tempo in zone superficiali. Questo processo però, porta ad una accelerazione del metabolismo. Il pesce proprio per questo motivo avrebbe un ciclo vitale breve, addirittura sino a 15 volte minore di quello di un normale ciprinide.

 

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

GRAZIE !!!!! Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *