Le Tartarughe marine


Stamattina le Caretta caretta sono state rimesse in acqua al largo di Marina del Cantone. Saranno monitorati i loro spostamenti.

Due tartarughe salvate nei mesi scorsi dal Centro Tartanet dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella sono di nuovo libere e in mare. Sono state rimesse in acqua stamattina al largo di Marina del Cantone a Nerano. Ad entrambi gli esemplari e’ stato installato un sistema di monitoraggio con il computer che non è satellitare, ma lavora con il gps e sms telefonici. Permettera’ di verificare alcuni parametri legati al loro spostamento, come posizione, profondità e caratteristiche fisico-chimiche del mare che frequentano. Le due tartarughe fanno parte del gruppo di 10 salvate e recuperate in inverno dal centro di primo soccorso dell’Area Marina Protetta Punta Campanella e curate presso la stazione zoologica A.Dhorn di Napoli. Sono stati anticipati i tempi della loro liberazione perche’ sia il maschio che la femmina sono pronte alla riproduzione e si spera che quest’ultima possa deporre in estate le uova lungo le coste campane, come avviene puntualmente negli ultimi anni in Cilento. Le altre 8 saranno rilasciate in mare nei prossimi mesi. All’iniziativa hanno parteciperato anche 60 bambini delle scuole di Meta di Sorrento che hanno seguito durante l’anno scolastico un percorso di informazione e sensibilizzazione da parte del Centro di Educazione Ambientale del Parco Marino di Punta Campanella.
” Una bellissima giornata per il Parco, per Massa e per tutti i bambini proprio nella Giornata Mondiale della Terra (Earth Day 2016)- dichiara il Presidente dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella, Michele Giustiniani- La nostra attenzione verso questi meravigliosi abitanti del mare restera’ molto alta e l’obiettivo a medio termine e’ quello di riaprire a Massa Lubrense un Centro in grado di curare e ospitare le numerose tartarughe in difficolta’ che riusciamo a salvare”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui