Pubblicati i risultati del progetto LIFE-GHOST

Il Giornale dei MARINAI NewsPubblicati i risultati del progetto LIFE-GHOST
0
(0)

Pubblicati i risultati dello Studio durato 3 anni per identificare, ridurre gli impatti delle reti fantasma e aumentare la biodiversità nelle aree costiere del Nord Adriatico

Venezia, 20 ottobre 2016 – Si è svolta oggi a Venezia, presso il Centro Congressi “Don Orione Artigianelli” (Sala Palladio), la conferenza finale del progetto LIFE-GHOST, in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’arco dei tre anni di attività (2013-2016).

ll progetto LIFE-GHOST co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma LIFE+ Biodiversità, portato avanti con il partenariato dell’ Istituto di Scienze Marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR-ISMAR (capofila del progetto), IUAV e Laguna Project, ha contribuito a valutare, attraverso approcci innovativi, la presenza e gli impatti delle reti e attrezzi da pesca persi o abbandonati sui fondali marini lungo la costa veneta, in particolare sulle aree rocciose corrispondenti alle cosiddette “tegnùe” (termine veneziano che significa “trattenute”), particolarmente ricche di biodiversità.

Le attività sul campo, condotte su una superficie pari a 2.125 ettari di fondale circoscrivibile a 15 aree che presentano formazioni rocciose naturali e una con scogliere artificiali (soffolta di Lido), hanno portato all’individuazione, mappatura e successiva rimozione di almeno 350 oggetti legati alle attività di pesca (reti e altri attrezzi), per un peso complessivo di oltre 500 kg, fornendo i primi dati scientifici per questo ambiente marino costiero.

Il progetto ha contribuito anche a dimostrare che la rimozione delle reti da fondali marini rocciosi, se attuata secondo criteri sostenibili, determina un miglioramento della biodiversità locale, e che questo è valutabile in termini economici, con un riconoscimento molto positivo da parte della popolazione – commenta Luisa Da Ros, primo ricercatore ISMAR-CNR e coordinatrice del Progetto GHOST. “Poiché d’altra parte le attività di rimozione – e questo vale per qualsiasi tipologia di rifiuto marino – non sono mai risolutive (basti pensare agli elevati costi delle attività in mare e all’impossibilità di attuare campagne di pulizia dei fondali continuative e su larga scala), molte azioni progettuali sono state rivolte anche alla diffusione delle conoscenze presso il pubblico, attraverso interventi comunicativi di vario genere mirati ad aumentarne la consapevolezza verso queste tematiche. Particolare attenzione è stata posta alla condivisione dei risultati del progetto con gli stakeholder, in modo tale che la comunicazione avvenisse in modo scientificamente corretto. In questo ambito, sono stati realizzati ad esempio un “codice di condotta” e un manuale tecnico sulla gestione delle reti fantasma indirizzato agli operatori della pesca e la proposta di regolamento “Raccomandazioni operative per una gestione efficace di reti e attrezzi da pesca abbandonati e persi in mare (ALDFG)” che è stato allegato alla mozione N°173 presentata presso il Consiglio della Regione Veneto dalla consigliera E. Baldin il 1 agosto 2016 e diretta alle autorità locali, da intendere come un insieme di linee guida di riferimento finalizzate a prevenire danni ambientali, biologici ed economici causati da questo tipo di rifiuti. Come si può capire, il nostro sforzo in questo ambito è stato particolarmente focalizzato ad ottenere un maggior coinvolgimento ed impegno da parte degli operatori del settore e in particolare degli enti/istituzioni preposte alla protezione del mare e delle sue risorse”.

 

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

delfini drone I droni infastidiscono i delfini?
5 (1) Oggi sempre più droni sono utilizzati per riprendere immagini, fare foto, monitorare ma
Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto