Un interessante video sulla pesca professionale realizzato da Francesco Cabras e Alberto Molinari in collaborazione con Legambiente e Ocean2012 sul ripopolamento delle aragoste a Su Pallosu.

Come diventare coltivatori del mare e non predatori. Una sfida lanciata dai pescatori di Su Pallosu che oggi sta dando risultati interessanti dopo i primi ripopolamenti proposti negli anni novanta dal pescatore (ex impiegato Fiat Mirafiori) Gianni Usai. Un progetto che e’ nato con una collaborazione con l’Università di Cagliari.

una straordinaria storia di mare che parte da una piccola zona marinara della Sardegna che racchiude il senso della pesca sostenibile soprattutto legata ad una buona gestione della piccola pesca costiera.

550% di incremento della biomassa delle aragoste mediterranee

piccole aragoste crescono

Sono questi i risultati ottenuti dopo anni di sacrifici, lavoro e ricerche ma adesso si pare qualche veramente qualche spiraglio per vedere fiorire anche l’occupazione alieutica. Domitilla Senni di Ocean2012 ha voluto raccogliere tutte queste dichiarazioni per fare da cassa di risonanza e dando voce ai pescatori, cercando ancora una volta di far distinzione tra tecniche di pesca che fanno male al mare (come ad esempio lo strascico) e altre tecniche che invece possono tranquillamente coesistere se fatte con criterio.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui