Home Scienze del mare, biologia marina, oceanografia. Articoli e redazionali Pescata una focena con due teste nel mare del Nord

Pescata una focena con due teste nel mare del Nord

Una scoperta importante dato che si conoscono soltanto 10 casi di gemelli siamesi nei cetacei e soltanto questo unico caso nelle focene.

771
0


Poco tempo fa alcuni pescatori hanno ritrovato tra le reti da pesca una focena con due teste. Il piccolo cetaceo misurava circa 70 cm e pesava circa 6 Kg.

La focena sembra fosse già morta quando i pescatori a bordo dell’ imbarcazione GO9 Onderneming l’hanno ritrovata tra le reti al largo di Rotterdam. I pescatori sono riusciti a scattare delle immagini e ad inviarle al museo di storia naturale olandese. Il corpo del cetaceo invece è stato subito rigettato in mare dato che i pescatori avevano paura di essere mutati.  Non si sa molto sulla sulla notizia ma secondo Erwin Kompaje del Museo di Storia Naturale di Rotterdam la focena con due teste non sarebbe vissuto a lungo.

 Dalle foto si vede un esemplare ben sviluppato con due teste. Chiaramente si tratta di un cucciolo nato da pochissimo: la pinna dorsale ancora non è ben diritta. Si tratta di un esemplare maschio.

L’evento è dovuto dalla divisione tardiva dell’embrione. Le cause del ritardo nella scissione al momento non sono scientificamente accertate ma si ipotizza siano influenzate da alcuni fattori ambientali e dall’attivazione di determinati programmi genici (ma non sembra essere un carattere ereditario).

stenella-due-teste-2 Pescata una focena con due teste nel mare del Nord

Vuoi votare questo post

Fai clic su una stella per votarle!

Voto medio / 5. Conteggio voti:

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Grazie

Aiutami a far crescere il blog, condividi l'articolo sui social !

Siamo spiacenti che questo post non sia stato utile!

Miglioreremo questo post!

Web Editor : Marcello Guadagnino. Io sono Marcello, sono nato a Palermo ed ho vissuto a Marinella di Selinunte (Tp). Sono stato a contatto di pescatori sia sportivi che professionali che mi hanno dato la spinta dopo le scuole superiori a studiare biologia marina per poi terminare gli studi con un master in gestione della fascia costiera e delle risorse acquatiche nelle Marche. Oggi vivo in Francia a Montpellier dove mi occupo di pesca. Rimango sempre in contatto con la mia Sicilia dove torno spesso in particolare in estate dove mi aspetta la mia barca. Qui a Montpellier pratico tanta pesca sportiva, faccio subacquea, vado in barca e la sera quando si spengono le luci del giorno mi dedico al giornale dei marinai andando alla ricerca di news, articoli, guide per cercare di sensibilizzare il grande pubblico sui temi legati al mare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui