Pesca: Bruxelles vuole bloccare l’indotto Mediterraneo

Il Giornale dei MARINAI La pesca professionale, NewsPesca: Bruxelles vuole bloccare l’indotto Mediterraneo
0
(0)

Per tutelare le risorse del mare la Commissione Europea potrebbe mettere il blocco su triglie merluzzi e sardine. Ma quale sarà il futuro dei pescatori?

L’idea di bloccare la pesca di alcune specie alletterebbe gli ambientalisti ma potrebbe rendere ancora più critica la situazione dei pescatori mediterranei che già soffrono per la mancanza di risorse. Dopo la conferenza tenuta a Catania nei giorni scorsi aumenta l’interesse verso una gestione delle risorse sempre migliore cercando di non dimenticare l’indotto dell’industria della pesca. Il Mediterraneo soffre dunque di un grave male che si chiama “malagestione”.

Dopo il prelievo ittico senza senso e senza regole che ha visto il Mediterraneo svuotarsi negli ultimi 50 anni adesso si cerca di tappare le falle. E lo si farà, molto probabilmente, a spese dei pescatori. E potrebbero farne le spese i piccoli operatori della pesca costiera, gli operai di quella pesca che invece è ancora considerata sostenibile.

Pescatori al lavoro

Pescatori al lavoro

Il Mediterraneo, pur essendo un piccolo bacino in confronto agli oceani, è un  mare ricco di biodiversità. Ma gli ultimi studi hanno portato alla luce dati sconfortanti. Soprattutto con l’ultima ricerca portata avanti da Daniel Pauly e Dirk Zeller che rivela che le catture totali sono state 2,6 volte superiori rispetto a quanto dichiarato alla Fao.

Karmenu Vella, Commissario Europeo per la pesca e l’acquacoltura avrebbe proposto delle misure di emergenza per la protezione di alcune tra le specie più compromesse. A Catania, durante il summit, non è comunque emersa nessuna proposta in merito ma sembra che una richiesta formale potrebbe sbarcare proprio a Bruxelles nelle prossime settimane.

Frenare o rilanciare?

Un lavoro importante adesso deve essere svolto in Tandem tra commissione  Europea e pescatori. Calibro e righello potrebbe essere una soluzione, ovvero un maggiore controllo, ma anche una maggiore responsabilità verso i pescatori. Anche loro devono fare la loro parte. Aiutare il mare a tornare sano rilasciando le specie che non hanno interesse economico, creare, come si fa in agricoltura, una rotazione triennale delle colture. Lasciare a riposo delle ampie zone per permettere in breve tempo di ripopolarsi. Delle ampie zone dove solo il tempo darà nuova vita sui fondali. Con il divieto assoluto di pesca naturalmente. Delle aree marine protette utili proprio alla pesca. Potrebbe essere questa la soluzione.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 0 / 5. Conteggio voti: 0

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal