Perchè sono scomparse le ammoniti

Il Giornale dei MARINAI Biologia marina, NewsPerchè sono scomparse le ammoniti
3
(1)

Le ammoniti sono scomparse dal nostro pianeta da tempo. L’ultimo del loro genere è scomparso 66 milioni di anni fa in una delle peggiori estinzioni di massa di tutti i tempi. L’asteroide largo quasi 10 chilometri che ha colpito la Terra e ha aperto il sipario sul Cretaceo e le ha spazzate via, proprio come gli pterosauri volanti e i dinosauri.

Eppure ci sono stati dei sopravvissuti. Mentre oltre il 70% delle specie conosciute si è estinto durante il disastro, molte altre sono sopravvissute. L’enigma che i paleontologi devono affrontare ora: perché le prolifiche e longeve ammoniti sono scomparse mentre altre forme di vita come il nautilo e il calamaro sono sopravvissuti? Dopo tutto, le ammoniti erano sopravvissute in precedenza ad altre tre estinzioni di massa.

Guardare ciò che ha reso la fine del Cretaceo così catastrofica fornisce alcuni indizi. Le precedenti estinzioni di massa a cui i cefalopodi erano riusciti a resistere erano perturbazioni graduali dei sistemi terrestri, come un’intensa attività vulcanica che si è svolta nel corso di centinaia di migliaia di anni. Ma quando l’asteroide è esploso nel pianeta alla fine del Cretaceo, gli effetti sono stati senza precedenti. L’atmosfera terrestre si è riscaldata a temperature simili a quelle di un forno. Subito dopo, i detriti dell’impatto e la fuliggine degli incendi boschivi diffusi hanno iniziato a oscurare il sole. La fotosintesi si è fermata per anni, provocando un collasso quasi totale dell’ecosistema.

La vita nell’oceano ne ha sofferto. La maggior parte degli ecosistemi oceanici si basa sugli organismi capaci di fare la fotosintesi , ma la mancanza di luce ha decimato questi prolifici autotrofi, quasi riportando l’oceano a uno stato batterico che non si vedeva da un miliardo di anni. 

Ciò potrebbe essersi rivelato un problema per le ammoniti, che si nutrivano abitualmente di plancton.  La fortissima riduzione del plancton in corrispondenza di questo evento è di importanza decisiva, soprattutto considerando che lo zooplancton costituiva probabilmente la dieta principale di diversi gruppi di ammoniti, e che un’eventuale riduzione o estinzione di questi avrebbe colpito anche le forme predatrici di altri ammonoidi. Inoltre, con ogni probabilità la strategia riproduttiva degli ammonoidi prevedeva uno stadio giovanile planctonico strettamente legato alle condizioni di vita dello zooplancton.

Ricostruzione di Hildoceras. Fonte wikiwand.com

Inoltre l’impatto dell’asteroide ha anche rilasciato carbonio nell’atmosfera, trasformando l’oceano in un ambiente acido, una condizione che avrebbe reso difficile la costruzione di una conchiglia calcarea. 

E, come spesso accade durante le estinzioni, la sfortuna potrebbe aver giocato un ruolo importante nella scomparsa delle ammoniti.

Anche se i paleontologi fossero stati in grado di indossare l’attrezzatura subacquea e immergersi nell’oceano del tardo Cretaceo, scoprire il motivo per cui le ammoniti sono scomparse sarebbe comunque difficile. Farlo 66 milioni di anni dopo il fatto è infinitamente più impegnativo. Ma la storia non è importante solo per comprendere una perdita. Ciò che accadde alla fine del Cretaceo ha posto le basi del nostro oceano moderno. 

La fine delle ammoniti segna l’inizio dell’oceano come lo conosciamo oggi.

Fai clic su una stella per votare il post!

Voto medio 3 / 5. Conteggio voti: 1

Nessun voto finora! Sii il primo a votare questo post.

Miglioreremo questo post!

Dicci come possiamo migliorare questo post?

Categories:
Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lampedusa. affonda barcone, 125 migranti salvati dalla Guardia Costiera
3 (2) Lampedusa 09.09.2021 – Questa mattina, alle prime luci dell’alba, 125 migranti sono stati
Concorso fotografico “Aliens in the sea” : progetto citizen partecipativo per la sensibilizzazione delle invasioni biologiche.
5 (1) Favorire forme innovative di ‘Citizen Science’ per accrescere la partecipazione dei cittadini. E’ questo
granchio zombie Sacculina carcini : il parassita che zombifica i granchi verdi
4 (4) Sacculina carcini è un piccolo crostaceo parassita del granchio verde Carcinus maenas e
Pesce in scatola: tutti i benefici delle conserve di pesce!
3.4 (8) Con un’economia che gira sempre più rapidamente oggi si puo’ trasportare il pesce
Barracuda-luccio-di-mare La differenza tra barracuda e luccio di mare
5 (4) Un tempo in Mediterraneo era presente solamente il luccio di mare (Sphyraena sphyraena),
Gli attrezzi da pesca del Mediterraneo
5 (1) Pesca industriale o artigianale, piccola pesca costiera oppure i grandi strascichi ? Quali
Il gamberetto di scogliera Il gamberetto di scogliera – Gen. Palaemon
4 (1) In Mediterraneo esistono diverse specie appartenenti al genere Palaemon, tutti soprannominati gamberetti di
Torpedine La Torpedine -Torpedo marmorata
5 (2) L’areale della Torpedine varia dal Mare del Nord dove è raro, al Golfo
Fotosub e ricerca : competizioni per lo studio della biodiversità ittica
5 (3) La biodiversità delle nostre coste presenta una distribuzione piuttosto eterogenea dal punto di
vacanze in barca a vela Vacanze in barca a vela : i 10 vantaggi
4.3 (7) Per molti la vela è più di una passione. È infatti un esercizio per il
GUARDIA COSTIERA: I RISULTATI DELL’OPERAZIONE COMPLESSA «NO DRIFTNETS» CONTRO LA PESCA ILLEGALE
3.9 (19) Il contrasto all’utilizzo delle reti da posta derivanti illegali è sempre stato uno
Datterari arrestati, l’Amp Punta Campanella:”Grande operazione, noi parte civile”
4.8 (5) Blitz nella notte da parte degli uomini della Guardia Costiera coordinati dalla Procura
Pesca sostenibile Pesca sostenibile : taglie minime e specie protette
4.5 (2) Questa guida presenta le principali specie ittiche catturate sulla costa italiana e gli
pennatula La pennatula rossa – Pennatula rubra
5 (1) La pennatula rossa è un antozoo a forma di alberello delle dimensione massime
Le Mangrovie
3.8 (4) Gli ecosistemi a Mangrovie sono sicuramente tra gli ecosistemi più produttivi del pianeta.
vermocane Quali sono gli animali più velenosi del Mediterraneo?
4.5 (11) In Mar Mediterraneo sono presenti almeno una cinquantina di animali velenosi . Tutti sono
pyrosoma Pyrosoma, il gigante gli oceani
3.7 (3) Nonostante le apparenze, il pyrosoma non è in realtà un gigantesco verme marino
nomi oceani CHI HA SCELTO IL NOME DEGLI OCEANI?
5 (1) Vi siete mai chiesti qual è l’origine del nome degli oceani? Come è stato possibile
Inquinamento: trote selvatiche dipendenti dalla metanfetamina
4 (1) Animali che si drogano (o che lo fanno non consapevolmente) Uno studio condotto
mal di mare Naupatia o mal di mare : cosa fare e come prevenire
5 (3) Classificato tra le cinetosi (malessere che si presenta durante un viaggio), il mal