• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:EVENTI
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti
  • Tempo di lettura:3 minuti di lettura
  • Ultima modifica dell'articolo:1 Maggio 2020

Il Pianeta Azzurro, progetto di educazione ambientale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro – Weec network indice un concorso fotografico dedicato al mare per incoraggiare l’Italia nella avvio della fase 2 per la lotta al coronavirus.

Il concorso permette la partecipazione di tutti gli amanti del mare per raccontarlo con i vostri scatti.  Avrete l’occasione di vincere numerosi premi e di vedere le vostre opere pubblicate sulla rivista cartacea de Il Pianeta Azzurro!Il concorso prende il via il 4 di maggio e la data di termine sarà l’8 giugno, il giorno in cui si festeggia la Giornata Internazionale degli Oceani. Il concorso fotografico di Pianeta Azzurro vuole infatti, attraverso gli scatti di tutti i partecipanti, ricordare l’importanza dei mari e richiamare una volta di più all’attenzione di tutti i valori della conservazione, dell’ecologia e della sostenibilità.

Un occasione per condividere i vostri scatti sul mare

Le categorie nelle quali potrete concorrere sono tre:

  1. La forza del mare: Mareggiate, onde che si abbattono sugli scogli e mura di schiuma, quante volte la forza del mare ha dato spettacolo davanti ai vostri occhi?
  2. Creature marine: Basta immergersi per pochi metri o osservare tra gli scogli per scoprire le migliaia di vite che il mare ospita. Partecipate inviandoci le foto in cui avete immortalato le creature acquatiche più belle!
  3. Il mare in bianco e nero: il mare evoca colori sgargianti e forti contrasti ricchi di luce ma anche il bianco e nero può essere un modo per raccontarlo. Fateci vedere il mare sotto un’elegante prospettiva monocromatica

Il pianeta azzurro

Al momento stai visualizzando Partecipa al concorso fotografico di Pianeta azzurro

Marcello Guadagnino

Web Editor : Marcello Guadagnino, biologo marino ed esperto di pesca professionale. Autore del Giornale dei Marinai

Lascia un commento